Roma Calcio » AS Roma News » AS Roma, Romani e romanisti

AS Roma, Romani e romanisti

In occasione del possibile rinnovo di Daniele De Rossi, il punto sui giocatori della Roma romani e romanisti come lui

Francesco Totti con l'amico e compagno di squadra Daniele De Rossi

GIOCATORI ROMANI E ROMANISTI / ROMA – Negli ultimi anni la Roma è sempre stata una squadra che ha portato in campo molti giocatori non solo nati e cresciuti nella capitale, ma anche con una caratteristica supplementare: la passione per la maglia giallorossa. Con l’avvento della dirigenza americana il trend non è cambiato. Nella stagione della rivoluzione di Luis Enrique, la presenza dei romani in campo non è mutata, semmai aumentata. Infatti, oltre ai soliti Totti e De Rossi, in questo campionato sono stati chiamati in causa altri due giocatori nati nella Capitale, Leandro Greco e Aleandro Rosi. Il centrocapista numero 23 è stato apprezzato dal tecnico asturiano e appena rietrato dall’infortunio è stato schierato con continuità collezionando 8 presenze in questo campionato. Anche Rosi si è guadagnato la fiducia dell’allenatore ed è riuscito a ritagliarsi un ruolo da titolare sulla fascia destra.
Oltre a questi calciatori c’è anche Viviani che, dopo la parantesi in prima squadra vissuta nella disastrosa esperienza in Europa League, è tornato in Primavera, ma nelle ultime apparizioni della Roma è comparso nella lista dei convocati trovando la prima presenza in campionato contro la Juventus. Nella rosa della squadra giallorossa c’è spazio per altri romani: Curci e Caprari. Il primo contende a Lobont il posto di secondo portiere, mentre il secondo sembrava essere inserito in squadra durante le prime uscite ufficiali della Roma, ma visto il grande numero di calciatori a disposizione dello staff tecnico è tornato alla Primavera.
Per il prossimo anno il numero di giocatori potrebbe aumentare ulteriormente con il ritorno dei prestiti di Bertolocci, Crescenzi e Florenzi.
Se l’idea è quella di avere una Roma vicina allo stile Barcellona, cominciare dai giocatori cresciuti nel settore giovanile è il primo modo.

Sara Mascigrande