Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Serie A Calciopoli, Carraro: ”Nessuno ha speso piu’ di Sensi nel calcio”

Serie A Calciopoli, Carraro: ”Nessuno ha speso piu’ di Sensi nel calcio”

Un’anticipazione dell’intervista rilasciata da Franco Carraro ad una nota trasmissione sportiva televisiva. Le dichiarazioni integrali in onda stasera alle 23 su T9

L'ex presidente della FIGC Franco Carraro

SERIE A CALCIOPOLI CARRARO NESSUNO HA SPESO PIU’ DI SENSI NEL CALCIO / WEB – ”Nel 2004 commisi un errore di politica sportiva, volevo sostituire Bergamo e Pairetto con Collina, il quale rimando’ il passaggio a designatore. Avrei evitato lo scandalo, ma mi dimostrai pigro”. E’ questa l’apertura dell’intervista che Franco Carraro ha concesso alla trasmissione televisiva La Signora in Giallorosso. L’ex presidente della FIGC ha poi proseguito cosi’: ”Non fu Calciopoli, ma arbitropoli, almeno stando alle sentenze attuali. La responsabilita’ oggettiva e’ un male necessario nello sport: il comportamento dei dirigenti della Juve non offusca il valore della societa’, ma oggi i bianconeri sbagliano a considerare nella propria bacheca 29 scudetti. Cosi’ l‘Inter potrebbe chiedere anche lo scudetto del rigore su Ronaldo e la Roma quello del fuorigioco di Turone. La Juve fa parte di un sistema, quindi gli scudetti sono 27”. Carraro e’ poi tornato a parlare del Mondiale del 2006 e della gestione di Guido Rossi: ”Con lui ammetto di non avere un rapporto idilliaco, pero’ devo riconoscere che e’ stato in grado di far partire i campionati e ha portato fortuna al Mondiale. Dico fortuna, perche’ quel torneo lo preparammo noi, anche attraverso rapporti internazionali che non erano finalizzati ad avvantaggiarci ma a non danneggiarci. Dopotutto Lippi, come Bearzot, li scelsi io”. Non sono mancate parole su Franco Sensi, definito come ”l’uomo che con la sua famiglia ha investito e rimesso piu’ soldi nella storia del calcio”. Qualche cenno, infine, sulla nuova gestione della Roma:Gli americani? Sara’ interessante capire se riusciranno a fare in Europa come negli Usa: con lo sport non ci rimettono mai”.

Marco Pennacchia