Roma Calcio » A- Senza categoria » Roma-Cesena, Marin: “Giallorossi straordinari. Totti? E’ tornato quello di un tempo”

Roma-Cesena, Marin: “Giallorossi straordinari. Totti? E’ tornato quello di un tempo”

Parla il direttore sportivo della prossima avversaria dei giallorossi

Il capitano della Roma, Francesco Totti

ROMA CESENA INTERVISTA MARIN / WEB – Maurizio Marin, direttore sportivo del Cesena, è stato intervistato da una nota emittente radiofonica. Ecco le sue dichiarazioni:

Sul momento del Cesena.

“Il Cesena aveva iniziato malissimo facendo solo 3 punti. Abbiamo però ricreato l’ambiente per lottare per la salvezza. E’ dura lo sappiamo, ma ce la metteremo tutta”.
Quanto ha inciso il cambio di guida e il fatto che Mutu si è sbloccato?
Mutu all’inizio si era cercato di adattare in una posizione in cui  non riusciva ad esprimersi a pieno e tutta la squadra ne ha risentito. Abbiamo pagato caro questa situazione ma il cambio ci ha fatto acquistare morale. Prendere Mutu per noi è stato il colpo del secolo. Era fantamercato all’epoca ma il presidente aveva questa idea e l’ha voluta portare avanti a tutti i costi. Oggi siamo molto felici che sia andata bene”.
Che benefici ha portato il cambio di allenatore?
Mister Giampaolo aveva in testa un progetto molto simile alla Roma di Luis Enrique ma non arrivando i risultati si sono solo evidenziate le lacune del Cesena. La curva del Cesena è una curva che io definisco basca e il progetto doveva essere affrontato con più tranquillità”.
In cosa si sente soddisfatto?
L’anno scorso eravamo una matricola, come il Novara oggi, e la cosa ci ha dato tanta forza per lottare. Quest’anno abbiamo invece cambiato tanti giocatori che, in alcuni casi, non hanno capito lo spirtio del Cesena. I risultati iniziali ci hanno condizionato ma la soddsfazione è che oggi siamo cresciuti”.
Parolo resterà?
“Spero con tutto il cuore di sì perché per noi è importantissimo e fa reparto da solo. Se arrivasse una richiesta irrinunciabile naturalmente ci muoveremo a malincuore per venderlo. Ha pagato anche lui un inizio di campionato grigio, ma per salvarci abbiamo bisogno anche di lui”.
Cosa teme della Roma di Luis Enrique?
“La Roma è una squadra straordinaria. Ha dei grandi campioni. Purtroppo la partita a Catania è stata sospesa e De Rossi sabato ci sarà, però i campioni sono sempre tanti. Totti è il giocatore più forte in rosa ma è tutto il gruppo che gira alla perfezione. Era meglio incontrarla un mese e mezzo fa però giocheremo comunque alla pari perché non abbiamo paura”.
 Sulla partita di sabato:

“Noi ci crediamo fermamente, anche perché se no non verremmo nemmeno a Roma. Siamo coscienti di essere un gruppo solido, ci vogliamo giocare le nostre chances, è un momento nel quale siamo più fiduciosi, faremo sicuramente la nostra partita pur sapendo di affrontare una grande squadra. Totti è tornato quello di un tempo dopo un inizio difficile, non c’è nemmeno bisogno di commentare il giocatore che è”.

Sulla travagliata stagione del Cesena:
“Ci sono state varie fasi, sia precampionato e preparazione, dove la squadra era forte con l’obiettivo di salvarci prima. Le aspettative si son scontrate con il campo e le domeniche, abbiamo cambiato guida tecnica anche se di solito diamo fiducia ai tecnici. La scelta ha portato i suoi risultati: Abbiamo ritrovato compattezza, ad Udine per esempio ci hanno punito gli episodi, ma rimaniamo fiduciosi di fare un’ottima partita a Roma”.

Una parola sul controverso rigore contro la Juventus:
“Mi sembra un modo per forzare alcune situazioni, ma la cosa è priva di fondamento e non vorrei nemmeno commentarla”.

 

Marco Decrestina