Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Luis Enrique, Bonacina: “La Roma ha un ottimo tecnico e un grande progetto”

Luis Enrique, Bonacina: “La Roma ha un ottimo tecnico e un grande progetto”

L’ex difensore parla della sfida di domenica prossima tra i giallorossi e l’Atalanta

Walter Bonacina

LUIS ENRIQUE DICHIARAZIONI BONACINA / WEB – Walter Bonacina, ex difensore di Roma e Atalanta, è intervenuto ai microfoni di una nota emittente radiofonica romana. Ecco le sue dichiarazioni:

Cosa rappresenta per lei Atalanta-Roma?
“Ho giocato 10 anni a Bergamo, 3 a Roma che ricordo come un’esperienza bellissima. Quando ci si ritrova di fronte per me è un piacere, per me è una partita speciale”.

Che idea si è fatto di questa nuova Roma?
“Credo che sia un progetto importante, la società ha avuto coraggio nel proporlo e mi piace come lo sta gestendo. Il tecnico è bravo, ci sono delle piccole difficoltà ma dietro ha avuto una società forte che lo ha sostenuto e spero che questa situazione venga premiata, sarebbe un bene per il calcio italiano”.

Chi ti ha impressionato?
“I giovani sono di per se una scommessa vinta in una piazza come Roma da parte della società, e sono giocatori che mostrano una qualità di base veramente importante. Sicuramente Borini ricorda in parte Rizzitelli, anche se Ruggiero era più potente che veloce e svariava meno. Il giallorosso mi piace moltissimo come atteggiamento, credo che questa caratteristica lo porterà lontano”.

Cosa deve temere la Roma a Bergamo?
“L’Atalanta è una bella squadra, fa del collettivo l’arma migliore ma ha anche giocatori con qualità, gioca a tutto campo e pressa molto. Denis ha sempre castigato gli avversari, vive un momento particolare ma ha qualità importanti e domenica è da tener d’occhio”.

Saresti d’accordo a far giocare i giovani in un campionato professionistico?
“Potrebbe essere una soluzione ma deve cambiare la mentalità di noi italiani. La Roma sta facendo bene nel settore giovanile, ma ci vogliono idee e mentalità che faccia rischiare qualcosa di più alle società nel lanciare i giocatori di 17-18 anni se hanno le qualità e se sono gestiti bene”.

A Bergamo ha conosciuto Osvaldo…
“Lo prendemmo in Argentina, si vedeva che aveva qualità individuali, dopo un periodo di ambientamento fece bene come poi ha dimostrato in Italia. Anche a Roma lo dimostrerà di sicuro”.

Un aneddoto qui a Roma…
“Ho sempre in mente l’esordio di Totti a Brescia, un ricordo bellissimo di questo ragazzo pieno di aspettative che poi ha mantenuto diventando un grandissimo campione. Per me è stato un onore vederlo agli inizi. Poi ricordo Boskov, la sua simpatia e le battute con le quali sapeva sdrammatizzare tutto”.

Marco Decrestina