Roma Calcio » AS Roma News » As Roma, Baldini: “I giovani non sono un alibi, ma un credo”

As Roma, Baldini: “I giovani non sono un alibi, ma un credo”

Intervento del dg giallorosso sull’importanza di coltivare dei giovani campioni investendo sul loro talento e sull’importanza del supporto di tutti i tifosi

Il dg della Roma, Franco Baldini

FORO ITALICO BALDINI GIOVANI / WEB – Come sottolineato questa mattina da asromalive.it è in corso il convegno promosso dall’Università La Sapienza riguardante il tema  “I giovani al centro dello sport” con lo scopo di evidenziare la centralità della figura dei giovani nel mondo dello sport al livello agonistico o professionistico.

Tra le varie personalità presenti anche il direttore generale della As Roma Franco Baldini che è intervenuto rilasciando un’interessante dichiarazione: “Spesso si ricorre alla parola giovani per giustificare un progetto che non può essere vincente fin da subito, è come un voler chiedere tempo e a volte è vero. Il progetto del Barcellona è nato negli anni ’80, venendo anche criticato aspramente quando il Real vinceva. I giovani non vanno usati solo come alibi ma come un credo. A questo proposito inviterei tutti giovedì sera per la finale di Tim Cup Primavera. Sarebbe bello riempire l’Olimpico, al contrario dell’anno scorso contro la Fiorentina. Certo se poi ci si spaventa per un preventivo di 200.000 euro per rifare gli spogliatoi, o comunque migliorare le strutture, e poi si spende magari un milione per un giocatore in prestito allora non va. Anche io avrei dovuto avere un altro atteggiamento. Ai giovani voglio credere. Quest’anno abbiamo puntato molto sui giovani, ovviamente dopo qualche partita persa anch’io mi sono trovato a pensare che l’anno prossimo servirà più esperienza. Ci serve supporto e quest’anno l’hanno avuto e non ce l’aspettavamo, è stata una cosa molto positiva. Bisogna cambiare diverse cose: al momento per esempio i genitori devono accompagnate i ragazzi a Trigoria per poi aspettarli per ore fuori, senza avere nemmeno un posto dove aspettare. Mi si stringe il cuore”.

Sara Mascigrande