Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma, De Rossi: “Fosse per me giocherei sempre. Luis Enrique? Mi piace la sua idea”

Roma, De Rossi: “Fosse per me giocherei sempre. Luis Enrique? Mi piace la sua idea”

Il giallorosso parla della sfida di domani pomeriggio contro il Milan e del nuovo progetto capitolino

Daniele De Rossi con il tecnico Luis Enrique (Getty Images)

ROMA INTERVISTA DE ROSSI / WEB – Daniele De Rossi ha rilasciato una lunga intervista per il quotidiano ‘Corriere della sera‘. Ve ne proponiamo un breve estratto:

Domani c’è Milan-Roma. Come sta il tallone? 
“È più un fastidio che altro. È un dolore, non è un infortunio”.

Dipendenza da campo? 
“Giocherei tutte le partite e per 90 minuti. Quando sto fuori per infortunio sono un tormento. In vacanza conto i giorni. Ho sentito tanti giocatori dire: smetto presto e mi godo i soldi. All’inizio la pensavo anch’io così. Poi vedo che cambiano idea e, pian piano, lo sto facendo pure io. Ne conosco uno solo che l’ha detto e l’ha fatto: Hide Nakata. Altra categoria. Altra testa”.

Cambierebbe il Mondiale con uno scudetto? 
“Vincere un Mondiale è indimenticabile, ma io non nasco tifoso dell’Italia. Nasco tifoso della Roma. Da bambino sognavo lo scudetto. Ci stavo dentro a quel sogno, era a mia misura, mi sembrava possibile. Poi è finita che ho vinto il Mondiale e che lo scudetto sto ancora ad aspettarlo”.

Luis Enrique è l’allenatore giusto per vincerlo? 
“A me la sua idea di calcio piace. Me ne parlava Guardiola, quando era alla Roma, e ora posso provare a giocarlo anche se il paragone con il Barcellona ti ammazza, perché loro sono troppo forti. Però, se non ci provi, non ci riuscirai mai”.

Ascolta le radio romane? Negli ultimi giorni sono usciti dossier per screditare Baldini, truffe contro la Roma, si è mossa la magistratura… 
“Sono garantista, non giudico nel merito. Sono finito in prima pagina perché uno che non sentivo da dieci anni ha fatto il mio nome a caso nello scandalo scommesse. Capisco i tifosi delle squadre, lo sono anch’io, sono un tifoso che va in campo e non in curva, ma non capisco i tifosi delle radio o delle presidenze. Succede solo a Roma”.

La Roma è in partnership con la Disney: che personaggio le faranno fare? 
Paperon de’ Paperoni. Con quel contratto che mi hanno fatto…”.