Roma Calcio » AS Roma News » Lecce – Roma (video), all’andata furono decisivi Gago, Pjanic e…Osvaldo

Lecce – Roma (video), all’andata furono decisivi Gago, Pjanic e…Osvaldo

All’andata la Roma si impose per 2 a 1 grazie alle reti dei due centrocampisti. La partita, però, è ricordata anche per l’episodio del gol annullato ad Osvaldo

La rovesciata di Osvaldo che sarebbe valsa il 3 a 1 contro il Lecce nella gara d'andata

LECCE ROMA VIDEO ANDATA DECISIVI GAGO PJANIC OSVALDO / WEB – Dopo la buona prova contro il Novara, annientato con le reti di Osvaldo e Bojan, la Roma, il 20 Novembre scorso, cercò conferme contro il Lecce. Si giocava in notturna, ed era la partita numero 12 del campionato di Serie A. Fin dall’inizio della gara, la squadra di Luis Enrique mostrò una migliore tenuta atletica. Tante le occasioni per i padroni di casa: clamorosa una per Pjanic che venne anticipato all’ultimo dall’ex Julio Sergio. L’appuntamento con il gol era stato solo rimandato: al 25′, Taddei, sulla sinistra, arrivò fino al limite del campo per poi mettere in mezzo proprio per il bosniaco che, stavolta, scelse il tempo perfetto. Il raddoppio giunse ad inizio ripresa grazie ad un tiro di Gago quasi da centrocampo su cui l’estremo difensore del Lecce intervenne in maniera goffa. Gli ospiti, però, al 64′ accorciarono le distanze con Giacomazzi e misero apprensione alla Roma per una vittoria che, fino a quel momento sembrava scontata. La partita scorreva con la squadra di Luis Enrique che si limitava a controllare il risultato anche se, a volte, concedeva troppo alla compagine di Di Francesco (c’era ancora lui in panchina). Al 75′, Totti rubò palla a centrocampo ed offrì a Lamela, che, a sua volta la girava a Gago: l’ex Real, dalla destra, quasi al limite dell’area di rigore avversaria, fece partire un cross per Osvaldo che, dalla parte opposta, vedendo abbassarsi il pallone, si coordinò prima di battere Julio Sergio con una splendida rovesciata. Gol stupendo ma soprattutto regolarissimo che però, come tutti sappiamo, venne annullato ingiustamente dal guardalinee Carrer.

Marco Pennacchia