Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Ritiro Roma, la conferenza stampa di Tachtsidis e Castan

Ritiro Roma, la conferenza stampa di Tachtsidis e Castan

I due nuovi acquisti parlano di fronte alla stampa a Irdning

I nuovi acquisti

RITIRO ROMA TACHTSIDIS CASTAN / ASROMALIVE.IT – La prima conferenza stampa dal ritiro di Irdning per la Roma tocca a due dei nuovi acquisti estivi della formazione giallorossa, ovvero il greco Panagiotis Tachtisidis arrivato dal Genoa, e al brasiliano Leandro Castan, ex Corinthians.

La conferenza stampa:

Introduzione di Franco Baldini:

I due ragazzi sono ormai da molto tempo con la squadra, li possiamo presentare solo oggi. Castan ha 26 anni, si è laureato prima campione del Brasilerao poi della Libertadores con il Corinthians. Avevamo una bozza d’accordo ben prima che le sue prestazioni avvalorassero le buone impressioni su di lui. 5 milioni è un prezzo relativamente basso, anche se il suo contratto scadeva tra qualche mese. Aldair si è espresso in maniera positiva su di lui. Panagiotis invece ha fatto una splendida stagione a Verona, espressamente richiesto dall’allenatore, siamo contenti di averglielo messo a disposizione.

A Castan: cosa ti ha spinto ad accettare la Roma in Europa per una consacrazione nel calcio che conta?

Perché era un obiettivo della mia carriera giocare in Europa, la proposta della Roma è stata molto interessante per me e per la mia famiglia. Molti calciatori brasiliani hanno giocato qui facendo molto bene e ho pensato di poter fare la stessa cosa. Il mio obiettivo è giocare i Mondiali con la Seleçao e spero che la Roma mi possa aiutare a farlo.

A Tachtsidis: vieni da un grande campionato al Verona, ti senti già pronto per giocare da titolare in serie A?

E’ stata una sorpresa per me, ora sono pronto per la squadra, per lavorare e migliorare. Mi fa piacere lavorare con Zeman, fa giocare i giovani e sto aspettando il mio spazio. Posso migliorare accanto a De Rossi.

A Baldini: Tachtisidis le ricorda qualche giocatore importante del passato?

Mi ricorda Redondo, l’argentino del Real, ma è un sacrilegio al momento fare questo paragone.

A Castan: la difesa con Zeman è un ruolo delicato, è una difficoltà giocare alti? Ti dispiace che non ci sia più Juan?

E’ un modulo diverso da quello del Corinthians ma per me non c’è nessun problema, sono abituato ai duelli con gli attaccanti, mi saprò adattare al meglio. Juan è uno dei giocatori che mi hanno ispirato con Lucio, è chiaro che mi sarebbe piaciuto giocare con lui.

A Tachtisidis: pensi di ritagliarti uno spazio importante?

Aspetto con serenità che mi chiami il mister in campo.

A Castan:  conosci Rhodolfo e cosa ne pensi?

Lo conosco sì, è un ottimo difensore ed un bravo ragazzo.

A Tachtsidis: da ragazzo giocavi trequartista vero?

Si vero, ma preferisco giocare davanti alla difesa, mi piace di più. Penso di poter migliorare sempre di più con questo lavoro.

A Castan: stai risentendo della stanchezza post-Libertadores?

Dopo la finale ho fatto qualche giorno di vacanza, comunque mi sento bene fisicamente, sono felice, non ho mai avuto infortuni importanti. Gli allenamenti sono duri ma è giusto per l’inizio della stagione.

A Tachtsidis: sapevi della stima di Zeman? Qualche compagno ti ha impressionato?

No non sapevo e conoscevo comunque tutti i calciatori.

A Tachtisidis: Zeman ti ha incoraggiato e ti ha detto qualcosa sul ruolo?

Mi ha chiesto solo come stavo e mi ha detto di correre (ride).

Keivan Karimi