Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma, Del Vecchio: “Questi giocatori non sono adatti al gioco di Zeman”

Roma, Del Vecchio: “Questi giocatori non sono adatti al gioco di Zeman”

L’interpretazione del giallorosso per spiegare una squadra ancora poco zemaniana

Marco Delvecchio

ROMA MARCO DELVECCHIO / ASROMALIVE.IT – Lunga intervista di Marco Delvecchio al Messaggero. Dopo una carriera sul campo, ora l’ex Roma si è spostato fuori dal rettangolo vedere come osservatore speciale delle vicende giallorosse.

Di seguito il testo della chiacchierata con il giornalista Alessandro Angeloni:

Delvecchio, le piace l’attuale Roma di Zeman?
Sta cominciando a fare risultati con continuità. Questo già mi sembra positivo“.

Che ne pensa del gioco che sta attuando la squadra giallorossa?
Non mi sembra proprio un calcio zemaniano. Mi pare una squadra prevedibile, non vedo i tagli degli esterni, sono poche le sovrapposizioni dei terzini“.

Perché?
Le questioni sono due: o non ci sono giocatori con le caratteristiche adatte a quel tipo di calcio, oppure i calciatori stessi non riescono a capire a pieno o a mettere in pratica gli intendimenti del tecnico“.

Ne scelga una.
Penso sia più una questione di caratteristiche dei giocatori“.

Andiamo più nello specifico.
Prendiamo la partita con il Pescara: davanti c’erano due attaccanti centrali più Totti. Forse manca una punta che sappia sostituire Lamela, che pian piano si è adattato a fare l’esterno. Forse ci vorrà ancora un po’ di tempo per adattarsi al meglio ai movimenti o capire fino in fondo il sistema di gioco di Zeman“.

La posizione di Totti?
Francesco gioca diversamente rispetto a quattordici anni fa. Adesso è un regista avanzato, ha molta libertà di movimento. È un accentratore di gioco, meno capace di attaccare la profondità e più bravo a dettare gli inserimenti dei compagni. Alla fine non sembra un 4-3-3“.

Poi, la coppia Osvaldo-Destro è differente da quella che formava lei con Francesco.
Direi di sì. Io Francesco eravamo diversi, lui faceva anche il rifinitore“.

Anche in mezzo al campo qualcosa non quadra.
Rispetto alla nostra Roma zemaniana, ci sono meno uomini di corsa. Pure a centrocampo vedo calciatori con caratteristiche poco adatte a quel tipo di gioco“.

Certe volte si ha la sensazione di vedere una squadra che si autogestisce. Ognuno prende iniziative personali.
Se un calciatore non è portato a giocare in una certa maniera, ci sta che interpreti il ruolo diversamente, ma non parlerei di autogestione. Destro fa l’esterno ma non ha quelle caratteristiche, Pjanic è tecnicamente molto bravo ma non ha la corsa di un Tommasi o di un Di Francesco“.

Zeman lo trova cambiato?
“No, è sempre lo stesso, anche nella fase difensiva. Sono diversi i giocatori. La sua prima Roma aveva un altro ritmo. Andava al doppio della velocità”.

Ma non era mai successo di vedere – come a Pescara – una Roma che finisce la partita con un solo attaccante in campo.
Non mi sembra una rivoluzione epocale. I cambi di Pescara erano dovuti soprattutto a questioni fisiche, Destro si era fatto male ed è dovuto uscire e in panchina c’era solo Nico Lopez. In più l’ultima sostituzione, quella di Osvaldo, è arrivata quando mancavano pochi minuti alla fine“.