Roma Calcio » AS Roma News » Roma, Cicchetti: “Bruno Peres è un giocatore pronto. Per Bressan con 1 milione si chiude”

Roma, Cicchetti: “Bruno Peres è un giocatore pronto. Per Bressan con 1 milione si chiude”

L’agente Fifa è esperto di calcio brasiliano, e dice la sua

Bressan in maglia Juventude

Bressan in maglia Juventude

CICCHETTI / ASROMALIVE.IT – Dopo i colpi di quest’estate il d.s giallorosso Walter Sabatini è pronto a rituffarsi nuovamente nel mercato sudamericano. Al fine di saperne qualcosa di più, la redazione di forzaroma.info ha contattato l’agente Fifa Gianfranco Cicchetti, grande esperto di calcio sudamericano.

Si parla molto di questo Bruno Peres del Santos. Potrebbe essere lui il nome giusto per la fascia giallorossa?
“La Roma lo sta seguendo con attenzione. È un giocatore di proprietà dell’Audax di San Paolo, ma il Santos detiene un diritto di riscatto per il 70% del suo cartellino. È un terzino affidabile che per me è già pronto per giocare nel calcio italiano. Sa fare molto bene entrambe le fasi e possiede tutte le carte in regola per vestire la maglia giallorossa. Io ci punterei molto. Può arrivare a giugno pagando un indennizzo al Santos, ma bisogna stare attenti all’Udinese. La squadra friulana infatti è sul giocatore già da tempo e l’impressione è che non l’abbia ancora preso solamente perché è già coperta in quel ruolo. Se a giugno cederà Basta, potrebbe essere un’operazione fattibile”.

Alysson e Bressan sono giocatori da Roma?
“Sono entrambi giocatori interessanti. Alysson l’ho visionato personalmente e posso garantirvi che ha grandi qualità. Bressan invece, dopo un torneo di Viareggio molto negativo, è tornato a buoni livelli con la Juventude e anche lui piace molto a Sabatini. Ha passaporto comunitario e la Roma potrebbe chiudere sin da subito per una cifra vicina al milione. È un giocatore molto veloce e molto tecnico. Ha anche un buon fisico. Deve solamente lavorare dal punto di vista tattico. Anche lui è un giocatore con grandi margini. Piace a diversi club”.

In caso di partenza di Stekelenburg si è parlato molto dell’arrivo di Cassio Ramos. E’ un’operazione possibile?
“La Roma con i portieri sudamericani ha sempre avuto esperienze agrodolci. Cassio Ramos è comunque un portiere molto affidabile, che alle spalle possiede già un’esperienza poco felice in Europa con la maglia del Psv. Nel Corinthians sta vivendo un periodo stupendo e per questo non credo che la società brasiliana voglia privarsene. Ha appena vinto il Campionato del Mondo per Club e la società brasiliana non ha certo bisogno di soldi. Bisogna vedere dunque quanta voglia possiede il giocatore di lasciare il Timao. Di certo la Roma lo sta seguendo”.

Gilmar Veloz ha parlato di un incontro imminente con Baldini per Osvaldo Filho. Le risulta?
“È un giocatore che la squadra giallorossa ha seguito con interesse. Sicuramente a Trigoria non dispiace. Gilmar Veloz tratta sempre giocatori molto importanti. Osvaldo è un attaccante veloce che alla squadra di Zeman potrebbe fare comodo. Gioca da esterno, ma può adattarsi anche come seconda punta. Ha venticinque anni e potrebbe fare comodo. Sicuramente dopo le esperienze poco felici con Braga e Al Ahli ha bisogno di rilanciarsi anche fuori dal Brasile”.

Wallace è ufficialmente un giocatore del Chelsea. Può arrivare in prestito quest’estate?
“La Roma ci sta provando, ma il discorso del prestito con diritto di riscatto e controriscatto non convince. Wallace però risponde sicuramente all’identikit del terzino perfetto che la Roma sta cercando. È un giocatore veloce con grande corsa e possiede grandi qualità. Visto il suo fisico, non è il massimo per il calcio europeo, ma dal punto di vista tattico il suo modo di giocare può sposarsi con il calcio zemaniano”.

La rivelazione dell’anno è sicuramente Marquinhos. Si aspettava un’esplosione cosi veloce?
“Sinceramente non me l’aspettavo. In Brasile aveva giocato solamente 7 partite e prima di comprarlo c’erano molti dubbi tra gli addetti ai lavori. Qualcuno aveva addirittura criticato Sabatini, rimproverandogli di non aver comprato un giocatore molto più esperto da affiancare a Castan e Burdisso. Sabatini è stato audace e fortunato, ma la fortuna aiuta gli audaci”.