Roma Calcio » AS Roma News » UDINESE Nessuno stravolgimento di formazione contro la Roma. Oggi allenamento mattutino, ieri differenziato per Domizzi

UDINESE Nessuno stravolgimento di formazione contro la Roma. Oggi allenamento mattutino, ieri differenziato per Domizzi

Francesco Guidolin

Francesco Guidolin

L’Udinese prepara l'”assalto” alla capolista con il programma di allenamento che giorno dopo giorno avvicina i ragazzi all’impegno di domenica prossima. In calendario oggi una doppia seduta. Come sempre, ieri la prima parte è stata dedicata al lavoro in palestra mentre nel pomeriggio il gruppo ha sudato all’aperto sui campi del centro sportivo Bruseschi.

La prima parte dell’impegno pomeridiano ha visto i bianconeri dedicarsi al riscaldamento tecnico e alle esercitazioni su calci da fermo. Nella seconda, partita ad alta intensità.

Solo Domizzi ha lavorato a parte come da programma specifico per il recupero dall’infortunio. Oggi seduta al mattino poi riposo. Allenamento al mattino anche venerdì poi sabato la rifinitura e il ritiro.

Fonte: udinese.it

 

Siamo arrivati al punto che gli assenti hanno sempre ragione, e ciò non è buona cosa. Se nascono rimpianti perché non scendono in campo i vari Merkel, Bruno Fernandes, Maicosuel, Widmer, Nico Lopez, allora c’è davvero qualcosa che non va nell’intera ossatura della squadra disegnata da Francesco Guidolin.

Non può essere che una squadra costruita in estate con senno possa diventare tutto d’un colpo brocca. Non è pensabile che giocatori esperti (benché ne dica il tecnico tutti hanno già partite, anche internazionali ,allse spalle), possano di punto in bianco diventare mediocri.

La questione è quindi ampia, l’Udinese fino ad oggi ha raccolto 10 punti. Però sei dei quali (Genoa e Cagliari) sono arrivati anche grazie a punizioni beffarde (deviazioni più o meno evidenti), che hanno concesso a Totò di alzare la sua media reti, decisamente bassa.

Senza quei sei punti ora l’Udinese, con due pareggi, avrebbe 6 punti, una miseria. I se e i ma nel calcio contano come una zucca a Ferragosto, ma è indubbio che la squadra gioca male e questi dati servono a evidenziare proprio questo aspetto.Ora inizia un ciclo di ferro (anzi è cominciato a Milano) e se qualche giocatore pensa che può rimediare sempre in casa alle disfatte in trasferta, capirà che si sbaglia.

La Roma che domenica arriva a Udine è una belva, affamata, elegante, una lupa in cerca di prede. Mancheranno Totti e Gervinho, ma non inganni questo dato. La squadra di Garcia, a differenza dell’Udinese è una compagine che ha bene in mente i propri traguardi.

I bianconeri, per ora, al di là dei quaranta punti di rito non hanno mai manifestato ambizioni, e una squadra senza umana voglia di stupire è una squadra dedita alla mera sopravvivenza. Non ci si faccia ingannare dallo scorso campionato: senza lo sprint finale arrivato con una buona congiunzione astrale, appare identico a quello attuale. Povero di emozioni, povero di gioco, basato sulla verve di Di Natale, che oggi però ha un anno in più e, forse, qualche motivazione in meno.

Sì, perché anche se il capitano vuole il Mondiale, Prandelli sembra non volere lui. Questione anagrafica, questione di sponsor, d’accordo, ma intanto la motivazione per eccellenza sta svanendo. Il tutto mentre Totti viene spinto a furor di media. Il giallorosso non ci sarà nella sfida diretta, ma – come detto – la Roma non è solo lui, mentre l’Udinese è Di Natale.

Domenica Guidolin non farà rivoluzioni. Chi si attende questo si sbaglia e non conosce il tecnico di Castelfranco. Il 3-5-1-1 è il suo dogma, il modulo che , bene o male, ha regalato tre qualificazioni in Europa negli ultimi tre anni. Giocherà Muriel accanto a Totò, anche se i due, sempre per il tecnico, non sono compatibili. Anche se, analizzando le cose, quando hanno giocato in coppia sono arrivate 7 vittorie. Oggi i due non stanno bene sia mentalmente sia fisicamente, ma alternative Guidolin non ne prende in considerazione.

Così anche in mezzo i 5 che argineranno i tre della Roma (sperando che la superiorità numerica sia anche qualitativa) sono Basta, Pinzi, Allan, Lazzari e G. Silva. Proprio Lazzari è nell’occhio del ciclone: ai tifosi non piace, ma Guidolin sostiene che è l’unico a poter dare gioco in mezzo.

Dietro Heurtaux, Danilo e Naldo. Non ci sono alternative ad oggi. Però, chissà, entro domenica potrebbe saltar fuori qualcosa.

Fonte: udineseblog.it