CHIEVO-ROMA Sabatini: “Il secondo posto è un obbligo. Il contratto di Pjanic? Stiamo lavorando da tanto tempo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:29
Walter Sabatini
Walter Sabatini

Il direttore sportivo della RomaWalter Sabatini, ha parlato di alcune situazioni riguardante il club giallorosso, nel pre-partita di Chievo-Roma. Ecco le sue dichiarazioni:

Se lo immagina Totti con la maglia azzurra?

“Si è auspicabile, lo spero per lui per la Roma e per tutti i tifosi. E’ bello che lui abbia voluto aprire a questa possibilità, significa che si sente ancora bene”.

Il secondo posto è diventato un obbligo dopo le parole di Garcia?

“Si, ma lo era anche 5 minuti prima della conferenza di Garcia. Stiamo facendo un gran campionato e vogliamo tenere questa posizione anche se sappiamo che realizzare questo desiderio sarà difficile ma vogliamo riuscirci e saremo competitivi fino in fondo”.

Prima mossa di Pallotta il contratto di Pjanic?

“Stiamo lavorando da tanto, col presidente potremmo avere un’accelerazione. Ma affrontiamo le situazioni con molta serenità, sappiamo quello che dobbiamo fare”.

La Roma è tornata in salute dopo l’Udinese?

“Non ho avuto l’impressione di un calo fisico prima, forse il peso delle partite e della necessità di vincere sempre ci ha fatto prendere una flessione nervosa”.

Che nome darebbe allo stadio della Roma?

“Non mi ci metto in questa cosa qui (ride, ndr), ma ci sono molti meritevoli. Se ci sono nomi in lizza? No, ma la Roma ha tanta storia, non sarà difficile pescarne”.

Marino lo vorrebbe in due anni…

“Un po’ di ottimismo fa bene anche alla società civile, oltre che allo sport e al calcio in generale”.

Fonte: Sky Sport