ROMA-CSKA MOSCA Bilancio di 8 tifosi arrestati, 4 poliziotti e 13 steward feriti. Questura di Roma: “Tifosi russi non assistiti in modo adeguato dalla società russa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:56
Scontri Roma-Cska

È di otto tifosi arrestati, uno della Roma e sette della squadra moscovita, il bilancio degli interventi e delle indagini effettuate dalle forze dell’ordine nella serata di ieri in occasione dei tafferugli che si sono verificati, prima e durante la partita di Champions League Roma-Cska Mosca. Sono invece quattro i poliziotti e 13 gli stweard feriti. Un contatto è avvenuto tra i tifosi delle due squadre intorno alle ore 20, durante l’afflusso verso lo stadio Olimpico, nella zona compresa tra Ponte Duca d’Aosta e Lungotevere Maresciallo Diaz, a causa del mancato rispetto delle indicazioni fornite circa i punti di concentramento da parte della tifoseria russa, peraltro non assistita in modo adeguato da esponenti della società di calcio di Mosca né accompagnati da forze dell’ordine di quel Paese, come invece dovrebbe avvenire negli eventi calcistici internazionali.

Fonte: Adnkronos

L’Uefa non ha ancora aperto alcun caso disciplinare sugli incidenti di Roma-Cska Mosca, occorsi ieri sera in Champions League fuori e anche dentro l’Olimpico. Lo ha fatto sapere oggi a Nyon il servizio stampa della confederazione continentale. “Siamo ancora in attesa dei rapporti dei nostri delegati presenti all’Olimpico. In funzione di cio’ che verra’ comunicato, la commissione disciplinare decidera’ se aprire un procedimento o meno”, ha spiegato un portavoce dell’Uefa.

Fonte: Ansa

Il contatto tra tifosi romanisti e supporter del Cska Mosca, che ha poi portato all’accoltellamento di un tifoso russo, sarebbe avvenuto secondo la Questura di Roma perchè i tifosi russi non erano assisti «in modo adeguato da esponenti della società di calcio di Mosca nè accompagnati da forze dell’ordine di quel Paese, come invece dovrebbe avvenire negli eventi calcistici internazionali». La Questura sottolinea inoltre come il contatto tra i due gruppi, avvenuto attorno alle 20 durante l’afflusso verso lo Stadio Olimpico nella zona compresa tra Ponte Duca d’Aosta e Lungotevere Maresciallo Diaz, sia stato causato anche «dal mancato rispetto delle indicazioni fornite circa i punti di concentramento da parte della tifoseria russa».

Fonte: Ansa