L’AVVERSARIO dei GIALLOROSSI All’Olimpico arriva il Cesena di Bisoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40
Rubrica L'Avversaria
Rubrica L’Avversaria

FORMA 

Una solo vittoria in campionato, arrivata esattamente due mesi fa, nella prima di campionato contro il Parma in casa, 3 pareggi e 4 sconfitte. E’ questo il bilancio stagionale del Cesena guidato da Pierpaolo Bisoli. I bianconeri risultano essere il peggior attacco del torneo, insieme a Chievo e Fiorentina, con soli 6 gol fatti. Sono invece 13 le reti subite.

PROBABILE FORMAZIONE

Emergenza di formazione per Bisoli. Il tecnico dovrà fare a meno degli infortunati Brienza, Rodriguez, Tabanelli, Cazzola e Pulzetti. Squalificati Cascione per un turno e il portiere Leali per tre: al loro posto rispettivamente Coppola e Agliardi. Infortunio dell’ultimo minuto per Rodriguez, che ha subito una lesione di primo grado al legamento collaterale mediale. Al suo posto dovrebbe scendere in campo Djuric.

CESENA (4-3-3): Agliardi; Perico, Lucchini, Volta, Renzetti; Giorgi, Coppola, De Feudis; Garritano, Djuric, Marilungo. A disposizione: Bressan, Nica, Capelli, Kranjc, Mazzotta, Zè Eduardo, Carbonero, Almeida, Succi, Brienza. Allenatore: Pierpaolo Bisoli

PERICOLO N°1

Cresciuto nelle giovanili di Montegranaro Calcio, Guido Marilungo passa alla Sampdoria nella stagione 2004-05. Nel 2007-08 si aggiudica con la formazione Primavera sampdoriana sia la Coppa Italia, vinta il 10 aprile 2008 contro l’Atalanta, sia il Campionato, vinto il successivo 8 giugno contro l’Inter. Il 18 gennaio 2009, a 19 anni, esordisce in Serie A entrando in campo al 35º minuto del secondo tempo di Sampdoria-Palermo (0-2), sostituendo Paolo Sammarco. A fine stagione firma un contratto quinquennale con la società blucerchiata, con cui si lega fino al 2015. Il 27 agosto 2009 si trasferisce in prestito al Lecce, in Serie B dove segna il primo gol con la maglia giallorossa il 26 settembre in Lecce-Mantova (2-1). Il 19 marzo sigla la sua prima tripletta, guidando i salentini alla vittoria per 4-2 contro la Reggina al Granillo. Torna alla Sampdoria nell’estate 2010 e, in seguito al litigio tra il presidente Garrone e Antonio Cassano (con conseguente esclusione dalla rosa dell’attaccante barese, poi ceduto al Milan), si gioca insieme a Nicola Pozzi una maglia da titolare. Il 12 gennaio 2011 si trasferisce a titolo definitivo all’Atalanta per 4,7 milioni di euro, firmando un contratto fino al 2015. Segna il suo primo gol in nerazzurro il 5 febbraio nella vittoria contro il Pescara per 1-0. Con l’Atalanta vince per il secondo anno di fila il campionato cadetto. Nel successivo campionato di Serie A mette a segno la sua prima doppietta nel match casalingo contro il Cesena (risultato finale 4-1). Nella partita contro l’Inter del 18 marzo 2012 si infortuna al ginocchio, chiudendo anticipatamente la stagione. Il successivo 7 ottobre torna in campo dopo l’infortunio nella partita contro la Roma. Il 28 novembre si infortuna nuovamente al ginocchio destro durante la partita di Coppa Italia contro il Cesena. Ritorna in campo il 17 agosto 2013, quando gioca gli ultimi 9 minuti della partita di Coppa Italia vinta dall’Atalanta per 3-0 contro il Bari. Il 17 gennaio 2014, si trasferisce a titolo temporaneo al Cesena, in serie cadetta. Fa il suo esordio con i romagnoli il 25 gennaio 2014. Chiude la stagione regolare con 2 gol in 20 partite; segna anche un gol nell’andata della semifinale play-off contro il Modena, ripetendosi nella gara di ritorno (terminata con il punteggio di 1-1) e consentendo ai bianconeri di accedere alla finale promozione contro il Latina terzo in classifica. Viene riconfermato in prestito al Cesena anche per la stagione 2014-2015, dove torna a giocare in Serie A. Nella stagione in corso mette a segno 1 gol, contro l’Empoli, in 6 presenze. Nato come centrocampista offensivo, viene impiegato come trequartista,seconda punta o sulle fasce. La rivista spagnola Don Balón lo ha inserito tra i 100 più forti calciatori al mondo nati dal 1989 in poi.

PRECEDENTI

Sono 12 i precedenti fra Roma e Cesena in serie A. I giallorossi conducono per 9 vittorie a 1 con i pareggi che sono in tutto 2. L’ultima vittoria dei romagnoli nella capitale risale alla stagione 81/82, quando un gol di Genzano fissò il risultato sullo 0-1. L’ultimo confronto fra le due squadre è datato 2011/2012, con la vittoria della Roma di Luis Enrique per 5-1 con reti di Totti (2), Borini, Juan e Pjanic.

PRECEDENTI ALLENATORE

Sono solo 2 i precedenti del tecnico del Cesena Bisoli contro la Roma. Il primo incontro risale al 2010, quando il Cagliari guidato dal tecnico bolognese si impose per 5-1. Il secondo confronto, giocato la stagione successiva, ha visto la vittoria della Roma, guidata da Luis Enrique, per 0-2 al Dall’Ara contro il Bologna con gol di Taddei e Osvaldo.

GP