LE PAGELLE DI NAPOLI-ROMA Risultato bugiardo…il passivo doveva essere maggiore. Qualcosa comincia a scricchiolare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:25
Pagelle
Pagelle

Ecco le pagelle di Napoli-Roma:

Napoli (4-2-3-1): Rafael 7; Maggio 6.5, Albiol 6, Koulibaly 7.5, Ghoulam 6.5; Jorginho 6.5, D. Lopez 6.5; Callejon 7, Hamsik 6.5, Insigne 7; Higuain 7. A disp.: Andujar, Colombo, Henrique, Britos, Mesto, Radosevic, Inler, De Guzman, Mertens, Zapata, Gargano, Michu All.: Benitez

Roma

De Sanctis 5 In controtempo sul gol di Higuain, graziato da pali e traverse nelle restanti occasioni del Napoli. Viene salvato da Nainggolan nell’occasione del pallonetto di Calleon ma poco può qualche minuto dopo sempre sullo spagnolo.

Torosidis 4.5 Corre tanto, ma fa tanti errori, Maicon è un’altra cosa.

Manolas 5.5 Interventi di testa, sportellate e tackle. Ci mette la solita determinazione, la stessa che i suoi compagni non mettono

Yanga-Mbiwa 5 Spesso incerto e impreciso, si fa sorprendere nel secondo tempo sul contropiede di Kuilibaly.

Holebas 5 Non spinge più di tanto visto che ha clienti difficili come Calleon e Insigne. E’ proprio lo spagnolo che lo beffa sul gol del 2-0.

Pjanic  4.5 Soffre da morire il pressing partenopeo e aiuta poco Nainggolan nel gol del 2-0 dove i belga lotta come un leone e  lui sta a guardare.

Keita 5.5 La foto della partita è quella del 41′,  quando il maliano, che in campo ha più trofei di tutte e due le squadre messe insieme, fa un fallo di frustrazione.

Nainggolan 5.5 Lotta come un leone ed è il solo che prova ad arginare il pressing del Napoli.

Florenzi 5.5 Va vicino al pareggio con un bel destro. Anche lui confusionario.

Totti 4.5 “Finto nueve” schiacciato dal pressing napoletano. Queste non devono e non possono essere le sue partite.

Gervinho 5 Nei primi 45 minuti l’unico che prova a saltare l’avversario, ma fa la solita confusione quando viene raddoppiato e triplicato. Nel secondo tempo sparisce.

Garcia –  Quando il ritmo si alza si vede. L’utilizzo di Totti magari non è consigliato e Florenzi e Gervinho brancolano nel puoi quando devono alzare la testa vedono il deserto. Qualcosa comincia a scricchiolare, il gioco latita e le idee sono confuse. E’ incredibile come l’1-7 abbia così prepotentemente incrinato tutte le convinzioni costruite in più di un anno di lavoro.

Ljajic sv

Destro sv

Iturbe sv

Giovanni Parisi