BAYERN MONACO-ROMA Le pagelle dei giallorossi: Florenzi il più vivo, Skorupski troppi brividi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:53
Florenzi e Bernat
Florenzi e Bernat

Il Bayern doma ancora i giallorossi, stavolta per 2-0. Ecco le pagelle dei calciatori della Roma scesi in campo all’Allianz Arena.

SKORUPSKI 5 – Disastroso nelle uscite alte, male nei rinvii di piede. Non ha colpe particolari sui gol ma non dà l’impressione di poter consigliare sicurezza al reparto.

TOROSIDIS 4,5 – Colpa anche di una condizione fisica precaria, bissa la pessima prestazione di Napoli. Soffre e sbaglia anche in appoggio.

MANOLAS 5 – Non gioca male, ma si perde completamente Lewandoski e lo lascia libero di crossare nell’azione del 2-0.

YANGA-MBIWA 5,5 – Il più composto e reattivo del reparto, ci mette il fisico e il senso dell’anticipo in un paio di occasioni.

HOLEBAS 5 – Nullo, Rafinha e Lahm da quella parte lo mettono in grossa difficoltà. Dal 46′ COLE 6 – Attento e anche prezioso nelle poche ripartenze sulla fascia mancina.

DE ROSSI 5,5 – Dà una mano maggiore ai suoi compagni di difesa rispetto a due settimane fa. Ma manca il suo apporto in uscita.

KEITA 6 – Il più integro del centrocampo, ci prova fino all’ultimo con piglio da leader.

NAINGGOLAN 5 – Non sta bene e si vede. Poi da esterno di centrocampo perde la maggior parte della sua efficacia.

FLORENZI 6,5 – Ottimo primo tempo, condito da un lancio al bacio per Nainggolan sullo 0-0. Peccato per il ko alla caviglia. Dal 57′ PJANIC SV – Gioca più di mezz’ora ma toccherà si e no 3-4 palloni.

ITURBE 5 – Prima mezz’ora vogliosa, con corsa e qualche cambio di ritmo promettente. Riesce a far ammonire Alonso, ma poi sparisce in un nulla infinito. Dal 74′ GERVINHO 6,5 – Entra e tocca molti più palloni di Iturbe, rendendosi pericoloso con un paio di serpentine in area bavarese. Neuer gli nega il gol della bandiera in uscita.

DESTRO 5,5 – C’ha provato ma si è arreso troppo presto. L’impegno è proibitivo, ma l’ex senese dopo aver corso nei primi minuti mettendo anche apprensione a Boateng e compagni, si sgonfia e smette di provarci.

GARCIA 5,5 – Sa di dover cambiare atteggiamento e schiera un 4-4-2 ampio per coprire tutto il campo. Ma le motivazioni del Bayern e la paura dei suoi hanno deciso il match. La macchia? Mettere prima Nainggolan poi Pjanic a fare gli esterni di centrocampo: equivale a limitare a zero le qualità di due centrali di assoluto valore.

A cura di Keivan Karimi (Twitter @KappaTwo)