AS ROMA Dall’Inghilterra la lista delle più grandi bandiere di sempre: Maldini 1°, Totti 6°

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:59
Totti
Totti

La fedeltà è sempre più rara sui campi di calcio di questi tempi , con i giocatori che cambiano maglia sempre più velocemente.  Tuttavia , ci sono ancora alcuni calciatori che decidono di regalare la propria carriera ad un solo club. Di seguito la lista stilata dal sito caughtoffside.com:

10 – Iker Cassilas (Real Madrid) Magari non sarà più quella saracinesca impenetrabile che i tifosi del Real erano abituati a vedere fra i pali blancos, ma il campione del Mondo con la Spagna è sicuramente stato il più grande nel suo ruolo dell’ultimo decennio.

9 – Lev Yashin (Dinamo Mosca) Quasi universalmente considerato il miglior portiere di tutti i tempi, ha passato la sua intera carriera nella squadra moscovita ed è anche l’unico nel suo ruolo ad aver mai vinto il Pallone d’Oro.

8 – John Terry (Chelsea) Con lui basta l’acronimo, JT. In alternativa, vanno però bene i soprannomi di “capitano”, “leader” o “leggenda, fate voi. Di certo, quando deciderà di dire basta sarà un giorno difficile per i Blues, perché un altro così non si trova girato l’angolo di Stamford Bridge.

7 – Paul Scholes (Manchester United) Apprezzato anche da autentici mostri sacri del centrocampo come Zinedine Zidane e Xavi, è considerato fra i migliori della sua generazione nonché il pilastro su cui ha poggiato buona parte della trionfante epoca di Sir Alex Ferguson alla guida dei Red Devils. Soprannominato “Silent Hero” quando giocava per la sua avversione alle interviste, ora ha saltato il fosso (mediatico) e fa il commentatore sportivo, sia in tv che sulla stampa.
6 – Francesco Totti (Roma) Quando si dice essere innamorato a tal punto dei colori giallorossi da dire di no ad un sacco di club stranieri importanti pur di non lasciare mai la Magica. Per tutti è “il Capitano”, senza discussioni né fraintendimenti. E a vederlo ancor oggi in azione (chiedere referenze a Inter e Manchester City) non diresti mai che ha già spento 38 candeline.
5 – Steven Gerrard (Liverpool) Come Totti, anche Steven G ha rifiutato molte proposte, anche economicamente assai più vantaggiose del contratto Reds, pur di restare con la mitica Kop, alla quale ha regalato anche una Champions League. Vero, adesso ha il contratto in scadenza, ma i presupposti per il rinnovo (con comprensibile impegno centellinato visti i 34 anni) ci sono tutti, anche perché un Liverpool senza Gerro è durissimo da immaginare.
4 – Xavi (Barcellona) E’ stato parte fondamentale di una delle squadre più forti di tutti i tempi, nonché uno dei migliori centrocampisti del mondo. Diventato capitano del Barcellona dopo l’addio di Puyol, potrebbe però perdere l’etichetta di bandiera, perché il rinnovo coi catalani si fa attendere e gli Stati Uniti chiamano.
3 – Carles Puyol (Barcellona) Sarò un caso, ma da quando il leggendario capitano ha detto basta alla fine della scorsa stagione, è iniziato l’inesorabile declino del Barcellona, perché se già sostituire Pep Guardiola (che andò via alla fine della stagione 2012) è stato difficile, vivere senza il ricciolino là dietro si sta rivelando quasi impossibile.
2 – Ryan Giggs (Manchester United) Dopo essere stato giocatore/allenatore a causa del licenziamento in corsa di David Moyes, in una delle stagioni più sciagurate della storia Red Devils, il gallese ha deciso di chiudere con il calcio giocato, accettando il ruolo di assistente di Louis Van Gaal. Ma sognando una panchina tutta sua, non necessariamente allo United, anche se è opinione comune che gli daranno proprio quella alla fine del periodo olandese.
1 – Paolo Maldini (Milan) Capitano del Milan per ben 15 anni nonché indiscussa leggenda calcistica al punto da mettere d’accordo anche i tifosi delle opposte fazioni, il terzino rossonero è stato uno dei migliori di sempre nel suo ruolo. Comprensibile dunque il motivo per cui sia oggi così difficile sostituirlo.