STADIO ROMA Bellinazzo (Il Sole 24 Ore): “Lo stadio? Una proprietà diretta sarebbe stata meglio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:20
Stadio Roma
Stadio Roma

Il giornalista del Sole24ore ed esperto degli aspetti finanziari nel calcio, Marco Bellinazzo,ha parlato di alcuni aspetti che riguardano il possibile delisting della Roma dalla borsa, del fair play finanziario e dello Stadio della Roma. Ecco le sue parole:

Che cosa significherebbe per la Roma in delisting?

“C’è un aspetto positivo per leggere la vicenda, ma anche uno più malizioso. La cosa importante da capire è che c’è sfiducia sul fatto che la borsa possa riconoscere l’incremento di valore, quindi si cerca di recuperare il portafoglio azioni sperando che domani il valore cresca e si possano rivendere facendo profitti. L’altro aspetto è il tipo di informazioni che vanno date ogni tre mesi in maniera obbligatoria e rese pubbliche. Non essendo quotati ci si può affidare a principi contabili italiani anziché stranieri, che ti impongono di avere bilanci molto aderenti ai valori di mercato e sempre aggiornati. Quindi si può evitare questa esposizione continua”

Che mercato potrà fare la Roma col fair play?

“L’anno scorso quando furono punite Psg e Manchester City ci furono indicazioni molto stringenti, nel caso della Roma a differenza dell’Inter non ci sono limiti sugli ammortamenti per esempio. La Roma non ha limiti sui grandi colpi, c’è però un’indicazione sull’equilibrio tra entrate ed uscite, anche sulla lista Uefa”.

Si parla dello stadio non di proprietà, ma non essendo della Roma come fa a crescere il valore della squadra? Rispetto ad Etihad, a chi andrebbero i ricavi?

“Quando si parla di incremento del valore della Roma si parla di incremento indiretto.Pallotta sta facendo le operazioni attraverso la sua società, quindi è la società che acquista valore, ma potrebbe finanziare maggiormente la squadra. C’è sempre questa incognita, sarebbe stata meglio una proprietà diretta dello stadio, il fair play lo permette. Anche per i naming rights la situazione è un po’ anomala, una parte dei ricavi andrebbe riconosciuta allaRoma.; con lo stadio di proprietà è abbastanza facile far confluire i ricavi sulla Roma. E’ chiaro che sarebbe stato più semplice con lo stadio di proprietà della Roma, bisognerà vedere l’accordo di affitto del futuro stadio; si possono trovare delle forme contrattuali ad hoc”.

Fonte: Rete Sport

VAI ALLA NOTIZIA ORIGINALE (CON AUDIO)