IL MESSAGGERO Digne come Totti

Digne
Digne

Chissà se Lucas Digne avrà mai visto quel filmato di Francesco Totti, di quando, nel febbraio del 2004, sul finire di un Roma-Juventus mostrava a Tudor la sua mano con le quattro dita alzate al cielo e lo invitava a stare zitto e ad andare dritto a casa. Chissà. Se non l’ha visto glielo avranno raccontato e forse a quello si è ispirato quando domenica, sul finire di Roma-Juventus, sua prima partita con la maglia giallorossa, il francesino ha mandato un bacetto a Pereyra, gli ha fatto vedere la sua mano, con due dita alzate al cielo e in un certo senso, pure lui lo ha invitato ad andarsene a casa. Da Totti a Digne, da Tudor a Pereyra, il palco è sempre l’Olimpico. Undici anni dopo, un altro video spopola nella capitale. Sarà l’aria di Roma, ma succedono sempre qui certe cose al limite tra il simpatico e l’irriverente.