Home Senza categoria IL MESSAGGERO Garcia, mille giorni di emozioni svanite

IL MESSAGGERO Garcia, mille giorni di emozioni svanite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:28
Garcia
Garcia

Il cerchio si è aperto in America e proprio in America, con ogni probabilità, si chiuderà. Da New York a Miami, dall’ingaggio all’esonero, dal grande sogno all’incubo più nero. Il viaggio romanista di Rudi Garcia si è allungato per quasi mille giorni: 945, per essere esatti, ad oggi. Ora il sipario è pronto per rotolare, perché in fondo lo spettacolo giallorosso è svanito da tempo. Quando un cammino si conclude è logico stilare bilanci e ricomporre figure, ricordare il bello e non dimenticare il brutto.

L’UOMO DERBY Dietro di sé Garcia lascerà soprattutto una scia di ambizioni evaporate, un mare di punti interrogativi, anche qualche palpito puro, non fosse altro per i derby mai persi e per un paio di sberle restituite alla Juventus. È poco. E poco si può opporre agli archivi che nulla si scordano. Così in superficie affioreranno la delusione e il rammarico, le occasioni perdute, le contraddizioni, perfino i paradossi. Non passerà molto, e i modi e le maniere Rudi si perderanno nella memoria, e chissà che alla fine l’intera fotografia della mappa tattica di Garcia non rischi di sbiadire a promessa non mantenuta. Perché, si dice, tutto passa: tutto ciò che non è importante. Eppure nessuno avrebbe nemmeno ipotizzato un esito simile, quel 12 giugno del 2013.

LE IMPRESE Era un mercoledì e Rudi Garcia stringeva la mano di James Pallotta a New York. «Siamo molto felici e fiduciosi della scelta di Garcia. Ha dato prova di essere un vincente e crediamo rientri nei nostri piani per il futuro», spiegò il presidente. Con la cura dell’artigiano e la motivazione del campione, Garcia allestì una squadra formidabile. Una squadra da record. Tanto che dal 25 agosto al 31 ottobre del 2013 la Roma infilò una sequenza da primato di dieci successi consecutivi in campionato. Trenta punti raccolti in dieci giornate, un’opera d’arte, un’impresa da imperatore di Francia. Fu un momento di gloria, e lì Rudi si consegnò all’arte dell’aforisma, inventandosi frasi come «Abbiamo rimesso la chiesa al centro del villaggio», oppure «Il derby non si gioca ma si vince». Al tramonto della stagione, pur tagliando il traguardo degli 85 punti, un altro record, la Roma arrivò seconda con un ritardo di 17 punti rispetto alla Juventus. E nei tre turni finali, oltre tutto, subì addirittura tre sconfitte di fila, dimostrando in controluce già i tratti di una fragilità che presto si sarebbe rivelata catastrofica.

Fonte: Il Messaggero

Asromalive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!