Kevin Mendez sul suo futuro: “Penso a fare bene con il Losanna e poi torno a Roma”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00
Kevin Mendez
Kevin Mendez

NOTIZIE AS ROMA – L’attaccante della Roma, Kevin Mendez, in prestito al Losanna, squadra della seconda serie di calcio svizzera (Challenge League), ha rilasciato un’intervista al sito ‘cesololaroma.org’. Ecco le sue dichiarazioni:

Puoi fare una presentazione di chi sei a coloro che non ti conoscono?
Sono Kevin Mendez, nato nel 1996 in Uruguay, dove è nata la mia passione per il calcio

Il tuo idolo?
Ronaldinho, mi è sempre piaciuto come giocava. Poi quando cominci a giocare a calcio non ce l’hai più, da bambino si.

Ti hanno cercato club come Liverpool e PSG, perchè la Roma?
Questa è una situazione che non dipendeva solo da me. La Roma ha fatto un’offerta concreta e con il mio procuratore abbiamo deciso di venire qui, perchè sapevamo che lavoravano bene con il settore giovanile.

Quando sei arrivato in Italia subito il prestito al Perugia. Come hai vissuto questo periodo?
Non ho giocato tanto, non parlavo la lingua e il calcio uruguaiano è diverso da quello italiano. Per capire il calcio è stato giusto mandarmi in prestito, ma sono qui a Losanna per giocare un po’ di più.

Sabatini ha detto che se ne andrà da Roma
Questo è un discorso particolare. Io non posso fare niente, devo continuare a giocare e allenarmi per giocare tra uno o due anni alla Roma. E’ una persona che capisce di calcio, ha preso tanti giocatori. Se lui andrà via non mi cambia niente.

A Gennaio dovevi firmare con lo Sporting Gijon, poi la scelta di Losanna…
Prima cosa perchè qui ho più minutaggio, a Gijon era più difficile, per questo ho deciso di venire qui.

Rapporto con Rudi Garcia, Luciano Spalletti e Fabio Celestini?
Garcia è un allenatore che ha fatto bene, andando anche in Champions. Era difficile che mi vedesse, ma penso che abbia fatto bene. Poi è arrivato Spalletti, con il quale sono stato una settimana, e sono venuto qui. Con Fabio (Celestini, allenatore del Losanna, ndr) mi sento bene, parlo sempre con lui perchè mi ascolta e mi fa sentire bene.

Obiettivo personale?
Stiamo facendo bene, siamo primi ma mancano ancora 10 partite. Dopo torno a Roma e vediamo cosa farò…

In Europa il calcio è diverso. Come ti trovi in Svizzera?
La vita, il calcio, è tutto diverso. Prima non stavo bene, non parlando la lingua. Ora sono tranquillo e sereno, Losanna è piccola ma bella. 

Se dovessi paragonarti a un giocatore famoso, chi sarebbe?
Trerquarti, esterno, avanti non è un probelma, il ruolo mio è sulla trequarti come Tevez, che mi piace molto.

Sulla stagione attuale della Roma
Guardo sempre la Roma e la Serie A. Ho visto il Derby, con Spalletti sta facendo bene. E’ la squadra più forte d’Italia e deve andare in Champions.

Su Francesco Totti
Sensazione ottima giocare con lui. Pensando che due o tre anni fa lo guardavo alla Tv e poi giocarci assieme è bello. Allenarsi con lui è importante per giovani come me

Con chi ti sentivi di più nel periodo giallorosso? 
Iturbe, Ponce perchè parlavamo la stessa lingua. Ma lì c’è un bel gruppo dove tutti parlano e stanno bene.

Tra poco iniziano gli Europei in Francia
Mi piacerebbe che vincesse l’Italia, mi piace il calcio italiano. Non tifo nessuno perchè sono uruguaiano, penso che l’Italia possa fare un ottimo europeo.

Infine un messaggio ai tifosi della Roma: “Grazie a tutti i tifosi, adesso penso ad allenarmi bene per giocare nella Roma e fare bene in futuro”.