Home AS Roma News - Ultime notizie Roma Calcio Alisson: “Posso migliorare, lavoro per essere sempre titolare. Buffon il mio idolo!”

Alisson: “Posso migliorare, lavoro per essere sempre titolare. Buffon il mio idolo!”

alisson
Alisson Becker (getty images)

E’ tempo di Nazionali. Così, anche Alisson ha dovuto lasciare Trigoria per dedicarsi all’impegno con i compagni verdeoro. E’ sicuramente tra gli artefici principali dell’ottima partenza della Roma in questa stagione, ha parlato in conferenza stampa. Le sue parole:

Alisson parla dei portieri europei

Mi piace molto vedere le parate, il mio idolo è Buffon, in lui mi ispiro molto, è uno dei migliori portieri della storia, se non il migliore. Lui sta sempre ben posizionato tra i pali, per questo alla sua età ancora gioca. Ho seguito molto anche De Gea, bravissimo nel Manchester. Mi piace molto anche Oblak, che ha dimostrato sempre di essere bravo come portiere dell’Atletico Madrid.

Su Cassio e Ederson

Lo conoscevo già perché è del mio stesso stato, cresciuto nella mia stessa città, Porto Alegre. Ha giocato con mio fratello nella nazionale giovanile. Ederson l’ho conosciuto meglio quando è stato convocato. Abbiamo un bell’ambiente di lavoro, conosciamo gli aspetti personali di ognuno, abbiamo creato una certa amicizia e c’è un livello di competizione sano. Tite ha un grosso problema (ride ndr). Credo si stia comportando bene, mettendo i giocatori che crede debbano giocare e facendo alcuni test. E’ importante mantenere una spina dorsale, una base. Ma è altrettanto importante fare dei test, così che tutti arrivino pronti al Mondiale. L’allenamento conta molto.

Sulla Champions e sul suo momento

In Champions siamo capitati in un gruppo della morte, con Chelsea e Atletico Madrid. Continuo a lavorare forte per migliorare il mio livello, per migliorare il mio calcio, così che il mio lavoro si rifletta nella Seleçao. Dobbiamo provare a migliorare. Io ho più esperienza dell’anno scorso, ma non smetto mai di lavorare. Lavoro duro e impegno, indipendentemente dalla circostanze. Ora ho raggiunto il ritmo partita, giocando con il mio club. Devo continuare così e mantenere alto il livello anche nella Seleçao. Mi trovo a metà di un processo di crescita, sono ancora giovane, questa è la mia prima stagione da titolare in un club europeo, in una grande competizione come la Champions League, ed il campionato italiano è cresciuto molto di livello. Questo è importante per la mia crescita e anche per la Seleçao. Se io avrò buone prestazioni in campo man mano che passeranno gli anni sarò apprezzato per questo.

Sull’anno da riserva nella Roma.
Ho sempre cercato di affrontare positivamente le critiche perché non avevo il ritmo partita, ma ho sempre saputo le mie qualità. Mi conosco meglio di chiunque, so cosa posso dare, non ho mai mollato. Ho sempre cercato di pensare a questo momento in cui sarei diventato titolare nella Roma. Dopo avermi visto in Champions la stampa e i tifosi si sono fidati di me. Questo mi aiuta.

Sugli allenamenti con Taffarel.
Il 90% dell’importanza del mio allenamento e di quello degli altri portieri è con Taffarel. Passiamo tanto tempo con lui, a fare un lavoro specifico. E’ di massima importanza, un lavoro breve ma intenso, ma è un lavoro che Taffarel fa per farci trovare pronti nelle partite.

Asromalive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!