Home Calciomercato Roma - Notizie dell' As Roma calciomercato Calciomercato Roma: il sogno Mertens resta vivo

Calciomercato Roma: il sogno Mertens resta vivo

Mertens con la maglia del Belgio

Calciomercato Roma: il sogno Mertens resta vivo. Secondo l’edizione odierna di Repubblica, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis sarebbe disposto a cedere l’attaccante belga in caso di un’offerta di almeno 35 milioni di euro. Questo perché Mertens non sarebbe al centro del nuovo progetto tattico di Ancelotti, che non lo vedrebbe come attaccante centrale del suo nuovo Napoli. Un ruolo che Mertens ha ricoperto con ottimi risultati nelle ultime due stagioni per i continui infortuni di Milik. Da esterno nel Napoli ci sarebbe la concorrenza di Callejon, Insigne e del nuovo acquisto Verdi. Inoltre il Napoli con i soldi incassati dall’eventuale cessione di Mertens potrebbe provare a prendere Angel Di Maria dal Psg, con la trattativa che pare sia già avviata.

GRANDE NOVITÀ: su Telegram riceverete le notifiche per ogni articolo pubblicato da ASROMALIVE CLICCANDO QUI!

Un rinforzo ideale per l’attacco della Roma

Mertens sarebbe un profilo ideale nell’attacco a tre della Roma di Di Francesco. L’arrivo del nazionale belga, ancora impegnato ai Mondiali di Russia 2018 dopo l’eliminazione a sorpresa del Belgio, dipenderebbe però dalla cessione del portiere Alisson al Real Madrid o al Chelsea. Soltanto con i soldi incassati da questa cessione la Roma potrebbe permettersi di accontentare le richieste di De Laurentiis. E regalare a un anno dalla cessione di Salah, finalmente un sostituto all’altezza dopo i tanti acquisti flop della passata stagione.

I numeri di Mertens nelle ultime stagioni sono impressionanti. Nel Napoli ha segnato ben 90 gol. Ha così dimostrato il suo valore anche in un campionato ben più difficile di quello olandese. Dove aveva pure segnato con grande regolarità prima nell’Utrecht e poi nel Psv Eindhoven. L’arrivo di Mertens regalerebbe alla Roma quei gol degli attaccanti esterni mancati nella scorsa stagione, se non con l’eccezione di Under negli ultimi mesi. E permetterebbero di fare un salto di qualità importante.