Stadio Roma, Vitek ora potrebbe ritirarsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43

Quella legata all’emergenza Coronavirus non sarà solamente una emergenza sanitaria. La pandemia infatti sta mettendo a repentaglio l’economia mondiale e tante aziende rischiano di chiudere in questo periodo. Altre sono in difficoltà e quelle calcistiche non fanno differenza. Le squadre del resto, prima di tutto, sono delle vere e proprie aziende con centinaia di dipendenti a libro paga.

tifosi Roma @Getty Images

Pallotta, che attende l’evolversi della trattativa con Friedkin, nel frattempo verserà altri 10 milioni di euro come rata dell’aumento di capitale. Soldi che – come sottolinea Il Corriere dello Sport – serviranno a pagare gli stipendi del mese di febbraio. Poi si parlerà di quelli dei mesi successi, con i giocatori che sono pronti ad una forte decurtazione di marzo e al congelamento di quelli successivi. Un accordo alla fine tra i calciatori e il club si troverà, con un adeguato risparmio per le casse giallorosse.


LEGGI ANCHE –>>Serie A, per l’Uefa si può giocare fino ad agosto

E’ un aiuto per ripartire, tenendo conto anche della situazione dei tanti dipendenti del club. Si potrebbe ricorrere agli ammortizzatori sociali, ma i loro stipendi potrebbero essere “coperti” anche proprio grazie al risparmio derivante dal taglio di quelli dei calciatori.

Società e stadio

In stallo la trattativa tra Friedkin e Pallotta per la cessione del club. L’impressione è che riprenderà solamente quando terminerà l’emergenza Coronavirus. E a quel punto probabilmente si dovrà trovare un nuovo punto d’accordo tra le parti. Come rivela ancora Il Corriere dello Sport, infine, non è da escludere che Vitek possa uscire di scena nella vicenda stadio, rinunciando all’idea di rilevare i terreni di Parnasi.