Roma schierata con la difesa a tre? Ecco le possibili opzioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:51

Nei giorni scorsi Fonseca ha aperto alla possibilità di vedere una nuova Roma in futuro, schierata con una difesa a tre. Il tecnico portoghese starebbe pensando anche a questa opzione e questa pausa forzata magari lo avrà fatto riflettere sull’opportunità di cambiare modulo. Non subito, ovviamente, perché servirebbe tanto lavoro sul campo. Cosa ad oggi impossibile. Ma magari se ne riparlerà nella nuova stagione.

@ Getty Images

Il suo vice Nuno Campos ha spiegato le idee tattiche che intendono mettere in campo: «Il nostro sistema di gioco è volto a creare continuamente delle linee di passaggio a partire dal portiere. Per noi non esiste solo cominciare l’azione da destra, ma è fondamentale andare a cercare le seconde palle dopo i lanci i lunghi. Anche il mediano poi deve esser pronto a smistare subito il pallone. Giocare in mezzo ti permette di creare di più e dare maggior fastidio alla linea difensiva avversaria. Con questo non dobbiamo attaccare solamente per vie centrali o laterali, ma dobbiamo sempre lasciarci una scelta» ha detto il portoghese.

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Roma, è caccia al sostituto di Smalling

Come giocherebbe la Roma a tre oggi?

E allora proviamola ad ipotizzare una Roma schierata con la difesa a tre. Soluzione che potrebbe aprire le porte a più moduli, dal 3-5-2 al 3-4-1-2 e al 3-4-3. Dietro si cambierebbe poco. Con Pau Lopez tra i pali dietro potrebbero giocare Mancini, Smalling e Fazio (o lanciare al posto dell’argentino Cetin). Cambia poi il discorso a centrocampo. Certo non sulle corsie esterne, dove a giocare sarebbero Kolarov a sinistra e Zappacosta a destra.

Nel caso del 3-5-2 (con la variante trequartista), a giostrare in mezzo al campo sarebbero Cristante, Veretout e Pellegrini, con Dzeko e uno tra Kluivert e Mkhitaryan di punta. E Zaniolo? Vero, lui può fare tutto, dalla seconda punta alla mezzala, ma potrebbe essere utilizzato come trequartista con l’arretramento di Pellegrini in mediana.

Tuttavia l’opzione migliore, ragionando ovviamente in termini fantacalcistici, è quella di una Roma schierata con il 3-4-3. In questo caso la cerniera di centrocampo potrebbe essere composta da Pellegrini e Veretout, con Zaniolo e Kluivert attaccanti esterni a supporto di Dzeko. Pensando anche a tutti i big che rimarrebbero fuori da questo ipotetico undici titolare (ma chi vuole vincere deve avere una rosa ampia…) è sicuramente una Roma da sogno.