Spadafora: «Sentiero stretto per la ripresa della serie A»

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:56

La ripresa della serie A è sempre più difficile? Pare proprio di sì. Non si conosce ancora la data della possibile ripresa di un campionato che deve fare i conti con l’emergenza Coronavirus. Dal 4 maggio i giocatori potranno riprendere gli allenamenti individuali, ma non c’è stata ancora una decisione riguardo gli allenamenti di gruppo e le possibili date delle partite da giocare.

Vincenzo Spadafora
@getty images

In Francia nel frattempo si è optato per uno stop delle attività sportive, mentre in Germania, Spagna e Inghilterra si sta scegliendo la strada della ripresa dei rispettivi campionati, pur scontrandosi con le oggettive difficoltà del periodo. In Italia la situazione vive una fase di stallo e sui social il dibattito sulla ripresa o meno della serie A è molto vivo.

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Roma, Fonseca vuole un nuovo terzino destro

Le parole del ministro Spadafora sulla serie A

Questa mattina il ministro dello sport e delle politiche giovanili, Vincenzo Spadafora, è stato ospite a “Omnibus”, trasmissione di La7. E non è sembrato molto ottimista riguardo la ripresa del campionato. «Vedo il sentiero per la ripresa della Serie A sempre più stretto».

Le motivazioni ormai sembrano essere chiare. «In queste ore sono in corsi contatti tra la Figc e il Comitato tecnico scientifico – ha detto ancora Spadafora-. Il protocollo che la Figc ha presentato nei giorni scorsi non è stato considerato sufficiente, tra oggi e domani si capirà se ci sono i margini per riprendere almeno gli allenamenti. Il che non vuol dire riprendere il campionato».

Si naviga dunque a vista, in attesa che possano esserci sviluppi. «Certo che siamo nell’incertezza – ha concluso il ministro- ma l’alternativa all’incertezza è chiudere anticipatamente la stagione come hanno fatto in Francia e in Olanda e altri paesi».