Ripresa Serie A, oggi il protocollo medico per le partite. Malagò: “C’è egoismo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:21
Giovanni Malagò ©Getty Images

RIPRESA SERIE A LE ULTIME – Nella giornata di oggi la Lega Serie A e la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), secondo quanto riportato dal ‘Corriere della Sera’, invieranno alla FIGC il protocollo medico per le partite. Da giorni sono al lavoro per far quadrare ogni singolo e minimo dettaglio, sarà cura poi della Federazione Italiana Giuoco Calcio inoltrare il protocollo al governo, che il 28 maggio prossimo darà poi il verdetto definitivo.

Rispetto a quello per gli allenamenti di squadra, questo protocollo prevede maggiore frequenza degli esami e tempi di quarantena che potranno essere modificati in linea con l’evoluzione della curva epidemiologica.

Prossime tappe ripresa Serie A

  • 22 maggio 2020: protocollo medico per le partite (inviate poi al governo)
  • 28 maggio 2020: decisione del Governo sulla ripresa o meno (se si riparte le prime date sarebbero 13 o 20 giugno 2020)
  • se la ripresa dovesse avvenire dopo il 20 giugno, sarà preso in considerazione il Piano B (qui tutti i dettagli).

Dichiarazioni Malagò

Non le manda di certo a dire il numero uno del Coni, Giovanni Malagò, il quale ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di ‘Radio Incontro Olympia’, parlando in generale del comportamento dei presidenti dei club di Serie A.

“C’è egoismo da parte di tutti i presidenti sul fatto di voler giocare. Tutti hanno in qualche modo un condizionamento da una posizione di classifica, e non si tratta di dire di essere buoni o cattivi. Questo forse è nella natura umana che ci possono essere delle spinte, in virtù anche del fatto che nel momento in cui si è fermato tutto uno era ad un punto dalla retrocessione o dallo scudetto…“.