Serie A, Spadafora: “Riapertura Stadi? Serve calma e pazienza. Lo capiremo col tempo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:16
Spadafora (Getty Images)

NOTIZIE SERIE A DICHIARAZIONI SPADAFORA – Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha rilasciato un’intervista all’emittente radiofonica ‘Radio Kiss Kiss’, facendo il punto della situazione sul futuro del calcio italiano, dalla possibile presenza dei tifosi, e quindi al ritorno allo Stadio, alla situazione sanitaria.

LEGGI ANCHE Calciomercato Roma, giallorossi sul giovane Melvin Bard

Spadafora preoccupato

“Il campionato di calcio si chiuderà con il weekend e già questo mi sembra un grande successo. Siamo stati cauti e abbiamo fatto le cose con calma, riaprendo solo quando è stato possibile e non quando qualcuno ha provato a costringerci a farlo. Ora, per settembre, speriamo si riparta in tranquillità – ha detto il Ministro -.Sull’apertura degli stadi, bisogna ancora capire come evolverà la situazione sanitaria. Le fughe in avanti di chi vuole ripartire subito e con gli stadi aperti sono fughe fuori dalla realtà, che trovano riscontro nelle decisioni del Governo”.

LEGGI ANCHE Calciomercato Roma, il Leeds di Bielsa pensa a Florenzi: i dettagli

Anche il numero uno della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Gabriele Gravina, si è detto preoccupato: “Anche io lo sono, perché sono preoccupato principalmente della situazione emergenziale sanitaria in Italia. Nel momento in cui capiremo come evolve la situazione sanitaria, ci occuperemo anche del calcio e di tutto il resto“.

LEGGI ANCHE Calciomercato Roma, pretendente a sorpresa in Serie A per Schick

Inizio Serie A 2020/2021

Intanto dopo una prima data, quella del 12 settembre, confermata poco plausibile da parte dei massimi vertici della FIGC, secondo quanto riportato dal ‘Corriere della Sera’, sembrerebbe che la data di inizio della prossima stagione di Serie A possa essere quella del 19 settembre 2020. La riunione decisiva in Consiglio Federale sarà quella del prossimo 4 agosto, tra 5 giorni, dove si dovrebbe mettere tutto nero su bianco, in vista anche dei prossimi Europei di calcio, slitatti a giugno 2021. Per i diritti tv, invece, bisognerà aspettare fine agosto.