Roma, il futuro di Paratici è stato già deciso: domani sarà ufficiale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:53

Per il ruolo di nuovo direttore sportivo della Roma è stato fatto più volte il nome di Paratici che però secondo Tuttosport resterà alla Juventus: domani dovrebbe arrivare l’ufficialità dall’assemblea degli azionisti.

Roma
Il direttore sportivo della Juventus Paratici (Getty Images)

Tutte le voci di un addio alla Juventus del direttore sportivo Fabio Paratici sono assolutamente infondate, secondo l’edizione odierna di Tuttosport. Domani mattina dovrebbe arrivare anche l’ufficialità tramite l’assemblea degli azionisti della Juventus, che per la prima volta non si terrà allo Stadium. Per via dell’emergenza coronavirus, infatti, traslocherà nella sede del club bianconero alla Continassa.

All’ordine del giorno della riunione presieduta da Andrea Agnelli c’è in particolare l’approvazione del progetto di bilancio chiuso lo scorso 30 giugno con un passivo di 89,7 milioni di euro.

LEGGI ANCHE –>Diawara positivo al Coronavirus, l’annuncio sui social

Roma, domani la verità su Paratici

Roma
Paratici @ Getty Images

Non si parlerà invece del futuro di Fabio Paratici. Semplicemente perché non ce n’è bisogno, in casa Juventus. Il direttore sportivo bianconero che pure è stato accostato più volte alla Roma non si muoverà da Torino. Secondo Tuttosport anzi sta già programmando il mercato di gennaio e ponendo le prime basi per la prossima sessione estiva.

Le voci che volevano il presidente Andrea Agnelli scontento soprattutto per il mancato arrivo di Suarez – dovuto all’ingaggio di McKennie che ha coperto l’ultimo slot disponibile per gli extracomunitari – sarebbero infondate. C’è ancora grande feeling tra i due, con Paratici che tra l’altro non sarebbe nemmeno il “colpevole” della scelta Sarri, fatta secondo più fonti da Nedved.

Domani arriverà l’ufficialità, messa tra virgolette, del futuro di Paratici: al momento sembrano da escludere colpi di scena. Ma nel calciomercato, mai dire mai.

LEGGI ANCHE –>Calciomercato Roma, i colpi di De Sanctis impressionano Friedkin