Calciomercato Roma, si lavora per blindare i Primavera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43

Calciomercato Roma, a causa del Covid il campionato Primavera è stato bloccato fino al 3 dicembre. Una vera sfortuna per i ragazzi allenati dal Alberto De Rossi, che stavano dominando il torneo con sei vittorie su altrettanti incontri disputati. 

calciomercato Roma
Alberto De Rossi (Getty Images)

Nello stesso tempo però, questo stop rappresenta una buona occasione che permetterà alla società giallorossa di poter discutere e risolvere con tranquillità le questioni riguardanti i rinnovi di contratto di alcuni suoi gioielli.

Come rivelato da “Il Tempo” infatti, la dirigenza capitolina è già al lavoro in questa direzione. Dopo il rinnovo di Ndiaye, perfezionato nei giorni scorsi, la Roma si sta muovendo per blindare anche altri tre calciatori.

Si tratta di Milanese, Ciervo e Zalewski. Con gli ultimi due, che hanno lo stesso procuratore, le trattative sono già in corso. Entrambi hanno un contratto in scadenza nel 2022.

Ciervo è reduce da un periodo estremamente positivo, essendo andato in gol negli ultimi due match disputati contro Lazio e Juventus. Zalewski è già stato convocato più volte da Fonseca in prima squadra, sia in campionato che in Europa League. L’italo-polacco è già finito nei radar di alcune squadre di serie A e serie B, ed ecco perché la dirigenza capitolina dovrà fare in fretta a chiudere la questione rinnovo.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, suggestione per un clamoroso ritorno

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, il terzino a caccia del rinnovo

Calciomercato Roma, previsto un incontro per il rinnovo di Milanese

Tommaso Milanese (Getty Images)

Nelle prossime settimane dovrebbe invece svolgersi un incontro tra la Roma e l’entourage di Tommaso Milanese, per discutere del rinnovo di contratto del centrocampista.

Il 18enne ha già esordito con la prima squadra in Europa League, fornendo l’assist vincente a Pedro per il gol del 5-0 nella gara della settimana scorsa contro il Cluj. Nell’ultimo weekend il calciatore ha invece dovuto lasciare il ritiro dei “grandi” a Genova, a causa della positività al Covid del portiere Pietro Boer, con il quale Milanese aveva condiviso la stanza.