Roma-Parma, Fonseca: “Futuro? L’importante è che la Roma vince”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:25
Paulo Fonseca Roma Parma
@getty images

ROMA-PARMA DICHIARAZIONI FONSECA – Continua a vincere e a convincere la compagine di Paulo Fonseca, che già nel primo tempo aveva ipotecato la vittoria contro il Parma di Fabio Liverani. Finisce 3-0, grazie alle marcature di Borja Mayoral e Henrikh Mkhitaryan, quest’ultimo autore di una doppietta.

LEGGI ANCHE —> Voti Roma-Parma 3-0: Mkhitaryan da Oscar, ottimo Villar

LEGGI ANCHE —> Roma-Parma, Ibanez acciaccato: Fonseca lo sostituisce

Dichiarazioni Fonseca

Il tecnico ha parlato a Sky Sport.

Una Roma che ha dominato l’incontro, una squadra solida con tante soluzioni. Possiamo solo dare un 8 in pagella?
Si, abbiamo fatto un’ottima partita, soprattutto il primo tempo con 3 gol, ma ne potevamo fare di più. La squadra ha fatto una partita con grandi movimenti, anche nel secondo tempo abbiamo creato occasioni.

La squadra gioca bene, tanti giocatori rivalutati. Alla fine di questo ragionamento, si stanno facendo valutazioni sul futuro, visto il contratto in scadenza a giugno 2021?
Non è una situazione che dipende da me, ma non sono preoccupato io. Sono focalizzato nel lavoro e nelle partite. Sono soddisfatto perché la squadra sta giocando bene e sta vincendo. L’importante è che la Roma vince, fa partite come quella fatta oggi.

Si aspettava un Mkhitaryan cosi ad alti livelli?
Si, è un giocatore molto intelligente, un grande professionista che può giocare in diverse posizioni. Il suo atteggiamento è un esempio e non mi sorprende quello che sta facendo.

Si aspettava risposte così determinate e sicure senza un leader riconosciuto come Edin Dzeko?
La squadra e i giocatori sono in fiducia. E’ vero che Dzeko è molto importante per noi, come è Chris (Smalling, ndr) o Pellegrini. La cosa importante è che nonostante abbiamo cambiato i giocatori non abbiamo cambiato la nostra forma, la nostra identità. Oggi abbiamo fatto una partita veramente buona.

Su Borja Mayoral
Ha fatto una bella partita, contro una squadra bassa ha lavorato molto. In campo ha sempre preso le scelte giuste.