Roma, questione stadio: resta in piedi soltanto un’ipotesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:01

Roma, questione stadio: Tor di Valle rimane sempre in pole per la costruzione del nuovo impianto. I tempi sono minori.

Roma
Friedkin (Getty Images)

Tiene banco la questione stadio. Da diversi anni a questa parte ormai se ne parla ciclicamente a Roma. E la questione Tor di Valle, con i vari problemi che sono arrivati nel corso del tempo, hanno reso quasi comico il tutto. Ma Friedkin comunque ha le idee chiare: in primis se ne occuperà a tempi pieno Stefano Scalera, quando il primo gennaio – secondo Il Tempo – metterà nero su bianco sul nuovo contratto che lo legherà alla società giallorossa.

Virginia Raggi aveva cercato di diminuire i tempi, anche per via della campagna elettorale che molto probabilmente la rivedrà protagonista nei prossimi mesi. Ma sempre secondo il quotidiano romano, la questione passerà nelle mani del nuovo sindaco.

LEGGI ANCHECalciomercato Roma, non solo Reynolds: le piste aperte per l’esterno destro

Roma, questione stadio: le altre ipotesi non reggono

accordo stadio roma
Tor di Valle ©Asromalive.it

E con una velocità impressionante nel corso di questi mesi sono uscite altre ipotesi di nuove aree dove destinare la costruzione della stadio della Roma. L’idea Flaminio – mai avuta dai Friedkin – sembra scemare di più ogni giorno che passa. Perché in questo caso dovrebbe essere il comune a fare il primo passo: ma così ancora non è stato.

E poi ci sono Fiumicino e Tor Vergata: ma i tempi in questi due casi diventerebbero quasi biblici per far ripartire tutto l’iter che serve a mettere su una struttura del genere. Ed ecco perché rimane in pole position Tor di Valle. Che, andandoci larghi, nello spazio di cinque anni (ancora) potrebbe essere pronto.