Ibanez, frecciata a Gasperini e dichiarazione d’amore: “Roma la più grande”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Nella Roma che domani all’ora di pranzo scenderà in campo per affrontare l’Inter c’è un punto fermo e si chiama Roger Ibanez.

Roma Ibanez
Roger Ibanez (Getty Images)

Il difensore brasiliano sarà un sicuro titolare nello scacchiere di Paulo Fonseca. In pochi mesi è cresciuto davvero tantissimo e il tecnico portoghese sa benissimo di poter contare su di lui ad occhi chiusi in più posizioni del campo. Dovrebbe essere lui a tenere d’occhio soprattutto Lautaro Martinez, considerando che tra i difensori giallorossi è quello più rapido.

LEGGI ANCHE –>Calciomercato Roma, ufficiale il ritorno del portiere dal prestito

LEGGI ANCHE —>Roma, pericolo squalifiche in vista del derby

Roma, le parole di Ibanez su Gasperini

Roma
Roger Ibanez (Getty Images)

Oggi Ibanez ha rilasciato una lunga intervista al “Messaggero” nella quale parla davvero di molti aspetti della sua carriera e della sua vita in giallorosso. Dopo aver rivelato che sulle sue tracce c’era anche il Bologna, il calciatore ha evidenziato la sua duttilità. “Posso giocare in tutti e tre i ruoli, dipende da quello che serve: se l’allenatore vuole che attacchi mi schiera esterno, se vuole più coperture mi metto al centro” ha detto Ibanez. Che non vuole fermarsi e fermare le ambizioni della squadra. “La Roma deve stare sempre tra le prime. Non è un caso se siamo lassù. Quando sono arrivato mi sono subito accorto della qualità dei giocatori presenti. – ha detto il brasiliano – La squadra ha tanti nomi importanti e per questo motivo possiamo andare sempre più su. Per me la Roma è la più grande squadra in Italia”.

La frecciata a Gasperini: “Sono stato io a voler andare via. Lì ho giocato nemmeno trenta minuti. Gasperini poi si è pentito Le sue parole mi hanno fatto piacere, però, forse doveva credere un pochino in me: un calciatore, per poter dimostrare ha bisogno di giocare. Se non vai in campo non ti vede nessuno. Gli allenamenti contano ma è la partita a fare la differenza. Alla fine, bene così”.