Roma, furia Friedkin per la figuraccia | Paura per le possibili ripercussioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:48

Roma, oltre la figuraccia di Coppa Italia, i Fiedkin sono imbufaliti per la questione dei sei cambi. Intoppo con gli sponsor.

Calciomercato Roma, futuro Zaccagni | C'è l'annuncio
Dan Friedkin ©️Getty Images

Oltre la sconfitta e la figuraccia. Oltre l’eliminazione dalla Coppa Italia. I Friedkin hanno paura che la questione dei sei cambi possa in qualche modo bloccare le operazioni di rinnovo contrattuali con gli sponsor. Perché i giallorossi stanno chiudendo con New Balance come nuovo sponsor tecnico. Ma ci sono in ballo anche contratti più importanti.

Parliamo di Qatar Airways e Hyundai, quelli che portano i maggiori introiti dentro le casse societarie. Le trattative per i rinnovi sono già partite. Ma Friedkin – così come riportato da “Gazzetta dello Sport” e “Messaggero” – ha paura che la pessima figura arrivata in diretta sulla tv nazionale, possa portare ad un grave danno d’immagine. E di conseguenza ad un problema con i partner commerciali.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, esonero Fonseca: spunta un nome shock

LEGGI ANCHE: Roma, terremoto Friedkin: doppio addio

Roma, per gli americani è tanta la paura

Calciomercato Roma, sfida a Juve e Milan: ecco le cifre
Dan e Ryan Friedkin (Getty Images)

Ecco perché la decisione di allontanare Gombar e Zubiria è stata presa in fretta e furia. Si è voluto dare un segnale anche a chi in questo momento sta trattando. Chi sbaglia paga. Senza possibilità d’appello. La linea guida intrapresa da Friedkin ormai è questa. E da adesso in poi sarà difficile cercare di tornare indietro.

Il timore che però qualcosa non possa andare per il verso giusto rimane. Ma il segnale lanciato dalla proprietà è arrivato forte e chiaro: di noi ci si può fidare. Questo il senso degli allontanamenti da Trigoria da chi è stato investito in prima persona dalla questione sostituzioni. Da adesso in poi non verranno tollerati comportamenti o errori che non sono in linea con la storia giallorossa. Perché quello che è successo martedì è davvero qualcosa d’inqualificabile a certi livelli.