Calciomercato Roma, scambio con l’Inter | C’è un’altra contropartita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:51

Si lavora tra Roma ed Inter per lo scambio last minute tra Edin Dzeko ed Alexis Sanchez: aggiunta un’altra contropartita

Alexis Sanchez (Getty Images)

S’infiamma il calciomercato della Roma in questi ultimi tre giorni prima della chiusura della sessione invernale. A tenere banco naturalmente è il futuro di Edin Dzeko, che dopo la rottura con Paulo Fonseca sembrerebbe essere sempre più lontano dalla capitale.

Nelle ultime ore ha preso piede un possibile scambio con l’Inter, che metterebbe sul piatto Alexis Sanchez. Si da poco concluso un colloquio proprio tra Tiago Pinto e Piero Ausilio nel centro di Milano, ma al momento il problema potrebbe essere la differenza tra gli ingaggi dei due giocatori. Ecco dunque che potrebbe essere inserita un’altra contropartita oltre al cileno.

Leggi anche >>> Calciomercato Roma, finalmente le visite mediche e poi la firma

Leggi anche >>> Calciomercato Roma, la firma di Allegri | L’annuncio 

Calciomercato Roma, scambio Dzeko-Sanchez: da Sensi a Pinamonti, quattro altre contropartite possibili

Stefano Sensi (Getty Images)

Il tempo stringe, ma Roma ed Inter lavorano senza sosta per trovare una soluzione che aggradi entrambe le società nello scambio tra Edin Dzeko ed Alexis Sanchez. Al momento l’ostacolo maggiore sembrerebbe essere la differenza d’ingaggio tra i due, con il bosniaco che guadagna 7,5 milioni ed il cileno che con il decreto crescita peserebbe circa 5 di milioni.

Per pareggiare l’ingaggio del bosniaco l’Inter potrebbe decidere di inserire un’ulteriore contropartita tra Stefano Sensi, Matias Vecino, Ionut Radu ed Andrea Pinamonti, che pareggerebbero i conti. A facilitare la trattativa potrebbe essere il fatto che Matias Vecino è rappresentato da Alessandro Lucci, stesso agente appena ingaggiato da Dzeko. Mentre Sensi e Radu sono è rappresentati da Giuseppe Riso come Bryan Cristante e Gianluca Mancini nella Roma. Infine c’è Andrea Pinamonti, che è rappresentato da Mino Raiola, ma difficilmente Antonio Conte si priverà di due attaccanti.