Roma, gerarchie cambiate: adesso Fonseca studia tutte le soluzioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:54

Roma, adesso è Mayoral il titolare. E Fonseca, che ha deciso che non farà mai un passo indietro, è alla ricerca di tutte le soluzioni per il reparto offensivo.

Roma
Borja Mayoral, adesso è lui il titolare @getty images

Edin Dzeko continua a lavorare a parte. Corpo sul campo, testa chissà dove: probabilmente al cellulare. Nell’attesa che il suo procuratore, Alessandro Lucci, gli faccia sapere qualcosa sul suo futuro. Che sarà lontano dalla Capitale. Perché Fonseca ha deciso di non fare nessun passo indietro: vuole le scuse dell’attaccante bosniaco. Altrimenti non verrà reinserito in rosa, spiega il Corriere dello Sport.

In ogni caso, se questa cosa avvenisse – ma prima della fine del mercato rimarrà tutto così – Dzeko rimarrà dietro nelle gerarchie. Adesso il titolare è Mayoral che comunque sta lavorando bene ed ha trovato anche una certa continuità sotto porta. In caso di reintegro quindi, l’ex capitano dovrà sudare per guadagnarsi una maglia da titolare. E questa cosa non è per niente gradita. Ha sempre voglia di giocare Dzeko, anche contro lo Spezia il Coppa Italia: la partita che ha fatto scatenare il putiferio e che ha cambiato per sempre il suo rapporto con la Roma.

LEGGI ANCHE: Scambio Dzeko-Sanchez, la reazione Social dei tifosi della Roma

Roma, Fonseca intanto studia le alternative

Roma-spezia
Fonseca (getty images)

L’allenatore, nel frattempo, sta lavorando alle possibili soluzioni da adottare nel pacchetto avanzato. In rosa adesso l’unica vera prima punta disponibile è lo spagnolo che, anche con il Verona domenica sera, sarà il titolare e agirà davanti al recuperato Mkhitaryan e al capitano Pellegrini. Proprio l’armeno potrebbe essere la variante tattica per il portoghese, che avrebbe in mente di schierarlo in qualche occasione come prima punta: esperimento già riuscito a Genova quando Mikhi tornò a casa col pallone dopo una tripletta.

Però, oltre questa possibile variante tattica, c’è poco altro. Quindi o si ricuce oppure s’interviene sul mercato per aiutare Fonseca. Il motivo dello scambio con l’Inter è anche questo. Anche se le caratteristiche dei due sono completamente diverse. Sanchez non è una prima punta di peso, quella che serve nello scacchiere tattico deciso da Fonseca: ma sicuramente le sue qualità e la sua esperienza non sono in discussione. Bisognerà fare di necessità virtù.