Roma, Petrachi vince il ricorso contro la società: ingiusto il licenziamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43

Roma, l’ex direttore sportivo ha vinto la causa contro la società giallorossa. Il suo licenziamento non fu per giusta causa.

Roma
Gianluca Petrachi @Getty Images

Il tribunale di Roma ha accolto il ricorso di Gianluca Petrachi: l’ex direttore sportivo giallorosso, difeso dagli avvocati Sara Agostini, Paolo Rodella e Filippo Aiello, ha vinto la causa contro la società giallorossa, che lo aveva licenziato.

Il tribunale ha accertato l’insussistenza della giusta causa di licenziamento, condannando di conseguenza la società al pagamento dei danni sia per la perdita delle retribuzioni che della lesione dell’immagine. Adesso la società giallorossa potrà ricorrere in appello. Ma questo è sicuramente un punto per Petrachi. Che addirittura potrebbe anche richiedere di essere riammesso nella società.

LEGGI ANCHE: Roma, ancora niente accordo tra la società e Petrachi

LEGGI ANCHE: Roma, Fonseca è deluso: l’allenatore è stato male interpretato

Roma, le tappe della vicenda Petrachi

ROMA

Il licenziamento di Petrachi è arrivato il 3 luglio. La Roma aveva ufficializzato la propria decisione con un comunicato, spiegando di aver agito nei confronti dell’ex direttore sportivo per giusta causa. Pochi giorni prima, il 24 giugno precisamente, la società giallorossa aveva annunciato che aveva tolto l’incarico al dirigente.

In un’intervista, rilasciato pochi giorni dopo il suo allontanamento, Petrachi aveva spiegato: “Alla radice c’è una mancata comunicazione tra me e Pallotta. L’ho visto due volte in tutto. Al telefono non parlavamo mai, io non parlo inglese. Sono pigro e poi non ho un bel ricordo della mia parentesi inglese”. “Non mi piace essere finito, mio malgrado, in tribunale. Non avevo scelta. I cinque milioni che chiedo sono lordi e sono il corrispettivo dei due anni di contratto che ancora mi restavano alla Roma. Non un centesimo di più. Voglio solo che si sappia chi è Petrachi veramente e quanta voglia ha di tornare a fare il suo lavoro“. Oggi è arrivata la sentenza di primo grado che dà quindi ragione all’ex direttore sportivo. Che, secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe pronto a firmare con la Fiorentina nella prossima stagione.