Roma, dopo Cristante c’è un’altra squalifica per bestemmia in campo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:35

Roma, dopo Bryan Cristante scatta un’altra squalifica in Serie A per bestemmia in campo. Una norma che ancora farà discutere: stavolta è toccato a Manuel Lazzari della Lazio.

Roma
(Getty Images)

Manuel Lazzari come Bryan Cristante. Il laziale è incappato nella stessa squalifica che aveva colpito il giallorosso, che era stato fermato da Giudice Sportivo per un’espressione blasfema dopo l’autogol nella partita contro il Bologna. Una squalifica che aveva fatto discutere, perché sui campi di gioco se ne sentono di tutti i colori e solo a volte scatta questa misura. Buffon – audio non chiaro e niente procedimento disciplinare – e Simone Inzaghi (che ha patteggiato con una multa) sono quelli venuti alla ribalta nell’ultimo periodo.

Sui social i tifosi della Roma si sono chiesti nei giorni scorsi cosa sarebbe accaduto con Manuel Lazzari, e stavolta la squalifica è arrivata. L’esterno della Lazio, al 7’ del secondo tempo della partita contro l’Inter, era stato beccato dalle telecamere mentre pronunciava una frase blasfema. Urlata anche vicino al quarto uomo e udibile senza margini di dubbio.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, niente riscatto | Scambio con la Juve

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, accordo la società | Fatta per il portiere

Roma, dopo Cristante il laziale Lazzari squalificato per bestemmia

Simone Inzaghi @getty images

Il laziale Lazzari salterà così la partita contro la Sampdoria. Questo il comunicato del Giudice Sportivo: “Ricevuta dalla Procura federale rituale segnalazione ex art. 61, comma 3 CGS (a mezzo e-mail pervenuta alle ore 8.33 del 15 febbraio 2021) in merito alla condotta del calciatore Manuel Lazzari (Soc. Lazio) consistente nell’aver pronunciato un’espressione blasfema al 7° del secondo tempo; acquisite ed esaminate le relative immagini televisive, di piena garanzia tecnica e documentale; considerato che il calciatore in questione è stato chiaramente inquadrato dalle riprese televisive mentre proferiva un’espressione blasfema, individuabile ed udibile senza margini di ragionevole dubbio, e che, pertanto, tale comportamento, deve essere sanzionato ai sensi dell’art. 37, comma 1, lett. a) CGS, e della richiamata normativa sulla prova televisiva; delibera di sanzionare il calciatore Manuel Lazzari (Soc. Lazio) con la squalifica per una giornata effettiva di gara”.