Roma, Villar fa sognare i tifosi: la promessa è esaltante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00

Si è preso la Roma in meno di un anno. Gonzalo Villar adesso è un calciatore del quale i giallorossi non possono proprio fare a meno.

Roma

Il centrocampista spagnolo è approdato nella capitale dalla serie B iberica a gennaio 2020, proprio poco prima del lockdown. Poco tempo per ambientarsi, tanto però per capire e studiare le richieste di Paulo Fonseca. Finito l’apprendistato, adesso è un giocatore fondamentale. Abile non solo nella fase di costruzione di gioco, ma anche nelle chiusure preventive e nella capacità di dettare i tempi alla squadra. Pochi grilli per la testa, Villar pensa solo a giocare a calcio e a diventare un big nel suo ruolo, magari convincere Luis Enrique di dargli una chance nella nazionale spagnola. Lui che a Roma ha allenato e sa bene quanto è difficile emergere in Italia.


LEGGI ANCHE –>Calciomercato Roma, la Juventus stregata da Mancini

LEGGI ANCHE –>Roma, è allarme diffidati: ecco il piano di Fonseca

Roma, le parole di Villar

Roma
Villar e Romaldo ©Getty Images

Il calciatore ha concesso una lunga e interessante intervista a “Il Tempo”, nella quale tra i tanti argomenti toccati c’è anche quello del suo futuro. Alla domanda su dove si immagina tra cinque anni, Villar non ha avuto esitazioni nel dire: “magari come uno dei calciatori più importanti della Roma, però in una squadra forte che lotta ogni anno per lo scudetto e che compete in Champions League. Adesso dobbiamo pensare partita per partita, ma a lungo termine abbiamo un’ambizione più alta. Mi piacerebbe crescere qui, vedo alcuni calciatori giovani qui come Zaniolo, Pellegrini, Ibanez, Mancini o altri che tra due-tre anni, quando saremo tutti più maturi, possono formare una squadra che lotta per vincere” ha detto il centrocampista della Roma.

All’orizzonte non sembra esserci dunque la volontà di cambiare aria per il calciatore. Che non sembra pensare troppo ad un nuovo contratto. “Sono tranquillo perché sono felice qui e quando fai le cose fatte bene, il resto arriva da solo. Ho un buon rapporto con Tiago Pinto e con le persone che lavorano per me” ha concluso il giocatore.