Roma, colonia spagnola in difficoltà: sarà rivoluzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40

Calciomercato Roma, la colonia spagnola della squadra è in difficoltà. Al momento solamente uno è sicuro di rimanere l’anno prossimo

gonzalo villar
Villar, l’unico sicuro di restare @getty images

Pau Lopez, Carles Perez, Villar, Pedro e Mayoral: la colonia spagnola della Roma in questo momento non vive un momento facile. Anzi, è proprio in difficoltà. E, secondo il Messaggero, alla fine della stagione solamente uno su cinque è sicuro di rimanere in giallorosso: vale a dire Villar, che ha già collezionato 30 presenze su 34 disponibili. Un punto fermo della squadra di Fonseca, anche se a Firenze si è accomodato in panchina.

Pedro, dopo un avvio decisamente importante, è tornato nelle retrovie. Tanto da chiedere al tecnico, prima della sfida contro la Fiorentina, spiegazioni sull’ennesima esclusione. Domani probabilmente tornerà in campo dall’inizio. Ma il malumore rimane. Mayoral invece, nonostante sia il capocannoniere della squadra, da 5 partite non riesce a timbrare. Un ruolino di marcia in flessione. Per entrambi, alla fine del campionato, verranno fatte delle valutazioni.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, altra trattativa col Verona | Offerti 13 milioni

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, futuro Borja Mayoral e retroscena con la Lazio

Calciomercato Roma, Pau Lopez e Carles Perez le delusioni

roma
Carles perez, saluterà (getty images)

Questi due con ogni probabilità a fine anno cambieranno aria: sia il portiere che l’esterno d’attacco sono le delusioni di questo campionato. Anche se Pau Lopez, nonostante tutto, dall’inizio del 2021 è sempre stato il titolare. L’infortunio di Mirante, e la consapevolezza per la società di non poter perdere un capitale importante, hanno spinto Fonseca a schierarlo sempre dall’inizio.

Carles Perez, invece, non ha mai convinto. E saluterà la compagnia a campionato concluso. Impiegato poco dal tecnico portoghese, è sceso in campo soprattutto in Europa League. Ma su di lui ci saranno poche discussioni da fare: l’arrivo di El Shaarawy gli ha tolto ulteriore spazio. E lui non sta facendo nulla per riprenderselo.