“Rinviate Roma-Napoli”, la protesta social diventa virale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:21

Rinviate Roma-Napoli, parte la protesta dei tifosi giallorossi – lanciata da Tele Radio Stereo – contro la decisione di slittare ancora una volta la gara tra Juventus e Napoli di mercoledì prossimo.

Gennaro Gattuso e Andrea Pirlo (Getty Images)

Partita la protesta a suon di tweet e post sugli altri social. L’ha lanciata la radio romana Tele Radio Stereo, contro la decisione di rinviare, ancora una volta, la partita che la squadra del presidente De Laurentiis avrebbe dovuto giocare, mercoledì, contro la Juventus. Ieri invece la decisione è stata quella di farla slittare ulteriormente al 7 aprile. Una decisione che ai tifosi giallorossi non è andata giù.

Grazie a questa presa di posizione, gli azzurri eviteranno la trasferta infrasettimanale a Torino prima della gara all’Olimpico contro la Roma, mentre i giallorossi saranno impegnati giovedì in Ucraina per il ritorno degli ottavi contro lo Shakhtar Donetsk. Una trasferta che nonostante la vittoria netta della partita di andata andrà onorata fino in fondo, perché in Europa ogni distrazione può essere pagata a caro prezzo.

Una decisione che, per accontentare le esigenze non primarie di due società, rischia di sfavorire le altre concorrenti nella lotta per la qualificazione alla prossima Champions League, come fa notare Tele Radio Stereo lanciando questa protesta.

LEGGI ANCHE: Roma, infortunio Mkhitaryan: le sue condizioni e quando rientra

LEGGI ANCHE: Lazio-Torino, niente 3-0 | UFFICIALE il rinvio

Rinviate Roma-Napoli, scatta la “sommossa” social

Roma
I tifosi della Roma (getty images)

Su Twitter la protesta è diventata già virale. E probabilmente non passerà inosservata nemmeno all’interno della società giallorossa. C’è da sottolineare, inoltre, che la Roma di lunedì, dopo gli impegni in Europa League, ha giocato solo una volta contro il Milan il 26 ottobre. E non lo potrà fare nemmeno la prossima settimana vista la sosta per le partite delle nazionali.

In ogni caso, la situazione al momento è questa. Difficilmente verranno cambiate le cose in corsa comunque, troppo poco tempo per decidere e soprattutto c’è la sosta che blocca qualsiasi possibilità di movimento.