Roma, salta il rinnovo: c’è un colpevole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48

La Roma a giugno molto probabilmente vedrà partire un giocatore a parametro zero: c’è un responsabile per il mancato rinnovo

Calciomercato Roma
Il general manager della Roma Tiago Pinto

Il tempo passa inesorabilmente e si avvicina anche la fine di questa stagione. Sono ancora diversi gli obiettivi da portare a termine nella Roma prima della fine dell’annata, e bisogna avere l’occhio attento anche ai contratti in scadenza. Infatti tra le fila giallorosse sono diversi i giocatori che a giugno vedranno scadere il proprio contratto, e dunque saranno liberi di trasferirsi in un altro club a parametro zero.

Mentre per alcuni si prova a parlare con l’entourage per cercare un accordo sul rinnovo, per altri il prolungamento sembra cosa impossibile. In particolare per un calciatore il destino sembrerebbe essere quello di dire addio alla capitale a fine stagione. Per il mancato rinnovo però c’è un responsabile.

Leggi anche >>> Calciomercato Roma, messo in vendita: occasione dalla Germania

Leggi anche >>> Calciomercato, bomber in uscita | C’è anche la Roma

Calciomercato Roma, addio Mirante: il responsabile è Tiago Pinto

ANTONIO MIRANTE
Antonio Mirante (getty images)

Sembra essere ormai scritto il destino di Antonio Mirante. A giugno l’estremo difensore vedrà scadere il proprio contratto e molto probabilmente la sua avventura nella Roma sarà definitivamente terminata. A negare il rinnovo al portiere classe 1983 però sembrerebbe essere Tiago Pinto.

Infatti, secondo quanto riportato dal ‘Corriere dello Sport’, il general manager portoghese avrebbe negato il rinnovo al portiere romanista, provocando anche qualche disappunto nello spogliatoio, visto che Mirante è una delle figure più ascoltate e importanti per il morale della squadra. Il così detto ‘uomo spogliatoio’. Sicuramente questa decisione avrà i suoi motivi, ma il rinnovo all’estremo difensore era stato promesso, ma non verrà siglato. Questa probabilmente è una di quelle mosse per la quale Tiago Pinto finisce nell’occhio del ciclone dei tifosi, che continuano ad essere poco convinti della sua gestione in casa Roma fino ad ora.