Torino-Roma, conferenza stampa: l’annuncio di Fonseca | LIVE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:31

Torino-Roma è ormai alle porte e il giorno precedente alla partita, come al solito, spazio alle parole dell’allenatore giallorosso Paulo Fonseca.

Roma
Paulo Fonseca @getty images

Non è certo un match agevole quello che attende i giallorossi. Giovedì sera la Roma ha speso tante energie fisiche e mentali e ha avuto poco tempo per recuperare. Di contro ci sarà un Torino che ha assolutamente bisogno di conquistare punti e proverà ad ottenerli nel suo stadio. La squadra di Nicola è infatti in corsa per la salvezza e non può permettersi passi falsi. Ecco le parole dell’allenatore della Roma nella consueta conferenza stampa.

LEGGI ANCHE –>Calciomercato Roma, colpi in prospettiva: la lista per la difesa


LEGGI ANCHE –>Roma, per l’erede di Dzeko il Milan mette la freccia sui giallorossi

Roma, le parole di Fonseca in conferenza stampa

Roma
Fonseca (Getty Images)

Contro l’Ajax abbiamo visto una grande prova difensiva. Cosa manca per avere una sintesi tra calcio spettacolo e solidità difensiva?
Ogni partita abbiamo una strategia, abbiamo per quasi tutta la stagione visto una Roma offensiva. Ma in queste due partite abbiamo preparato una strategia diversa, specie nel secondo match con l’Ajax. Noi abbiamo la nostra identità, ma quando dobbiamo fare una strategia diversa lo facciamo.

Il giudizio su di lei spacca tifosi e appassionati. Si è mai chiesto cosa potesse fare per convincere tutti del suo lavoro?
Io non lavoro per convincere le persone. Io lavoro per la Roma, per farla vincere. questo è l’importante. quando vinciamo abbiamo tante persone dal mio lato, quando perdiamo contro. Ma questo con tutti gli allenatori, lo capisco bene. La cosa importante è lavorare per la Roma.

Come sta Smalling?

Lo valutiamo tutti i giorni, ha iniziato a lavorare in campo. Quando si sentirà pronto tornerà. Ma sta meglio.

Cosa manca per essere competitivi sia in campionato che in Europa?
Questa è una stagione particolare. Lo dimostrano i risultati che stiamo vedendo in queste settimane per le squadre che hanno tanti impegni. Chi gioca ogni tre giorni ha spesso meno giocatori disponibili, come è accaduto al Bayern in Champions.

L’aver trovato una solidità difensiva è una strategia o può cambiare l’identità della squadra?

Come ho detto è stata una strategia per questa partita con l’Ajax. Noi non cambiamo la nostra identità, vogliamo ritornare già domani a essere la solita squadra offensiva, che prende in mano l’iniziativa. Magari con maggior concentrazione.

Quanto può essere importante arrivare tra le prime sette?
Penso solo alla prossima partita. Bisogna pensare che la gara con l’Ajax è finita e dobbiamo concentrarci sul campionato, sul vincere la prossima partita con il Torino.

Pastore può partire titolare?
Aspettate domani per vedere.

Le partite con Torino e Atalanta possono essere decisive per il quarto posto?
L’importante è vincere, non possiamo pensare ad altro se non vinciamo le nostre partite.

C’è un problema di reclutamento dei giocatori, viste le tante rose lunghe e tanti giocatori inutilizzati?
Io penso che è importante avere una rosa compatta, non credo sia il nostro esempio. Qui quasi tutti hanno giocato, hanno fatto parte delle mie scelte.

Il campionato può aiutare a recuperare la miglior forma in giocatori che possono essere determinanti in Europa?
Sono due competizioni diverse, io penso solo al campionato e a fare le migliori scelte per domani. E’ importante capire che la partita con l’Ajax è finita e dobbiamo concentrarci sul Torino.

Cosa vorrebbe vedere in campionato delle sfide europee?
Magari la stessa concentrazione, aggressività, attenzione. L’importante è avere una squadra sicura difensivamente, come abbiamo fatto con l’Ajax possiamo migliorare su questo aspetto.