Calciomercato Roma, tre acquisti per Mourinho | La nuova spina dorsale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:21

Calciomercato Roma, il nuovo diktat della Roma è pochi acquisti, ma mirati e di qualità. Si interverrà comunque in tutti i reparti.

Calciomercato Roma
Mourinho @getty images

Il telefono squilla ininterrottamente sull’asse José Mourinho – Tiago Pinto. In queste ore si parla senza sosta di come rafforzare la Roma per renderla una squadra capace di diventare protagonista nel panorama italiano ed europeo.

Di fondamentale importanza sarà l’asse centrale. Tutte le squadre forti partono proprio da lì: da una colonna vertebrale che deve avere il compito di dare equilibrio e compattezza. Un asse centrale che vuol dire quindi: portiere, difensore centrale, centrocampista dominante e prima punta. In quest’ultimo caso la situazione Dzeko bisognerà risolverla il prima possibile.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, un centrale di troppo | Mourinho cala il jolly

LEGGI ANCHE: ASRL | Calciomercato Roma, contatti in Spagna: clausola monstre

Calciomercato Roma, occhi puntati su Musso, Aké e Sabitzer

Renato Sanches
Renato Sanches ©GettyImages

Come riporta la Gazzetta dello Sport, l’obiettivo numero uno per la porta rimane l’argentino Juan Musso. Il portiere dell’Udinese è reduce da un’ottima stagione in Serie A, nonostante le ultime uscite non proprio eccelse. Musso è da un po’ che ha staccato la spina con la testa, forse anche a causa delle tanti voci di mercato che si sentono in questi giorni. Una di queste è proprio la Roma, che lo vorrebbe come portiere titolare per la prossima stagione. Il costo è alto, sui 20/25 milioni, ma è un investimento giusto per età e qualità.

L’alternativa può essere Rui Patricio del Wolverhampton, che tra l’altro è gestito da Jorge Mendes, che di Mou è pure l’agente. Il portoghese è più grande di Musso (33 anni contro i 27 dell’argentino), ma ha più esperienza e soprattutto costa meno: con 6/7 milioni si porta a casa.

Mou vuole anche un difensore di un certo spessore. Con un certo carisma e bravo in fase di costruzione. Mancini dà certezze, cosa che non si può dire per Smalling. L’ex Manchester ha giocato poco quest’anno causa problemi al ginocchio che non lo hanno lasciato stare e non può garantire affidabilità al cento per cento.

Un nome che al tecnico portoghese non dispiace affatto è Eric Dier del Tottenham, suo ex giocatore. Capace di gestire il reparto e con buone capacità di lancio. Le alternative sono due: Zouma del Chelsea e Aké del City. Il secondo è più facile da convincere anche se il costo si aggira sui 30 milioni di euro.

Mourinho poi vuole anche un giocatore capace di essere dominante in mezzo al campo, soprattutto a livello fisico, in grado di fare la differenza. Un esempio è Matic, che Mou si riporterebbe dietro volentieri dopo averlo allenato allo Utd. Il serbo, 32 anni, potrebbe scegliere Roma come nuova avventura visto il suo scarso impiego nei Red Devils.

Non c’è solo lui però. Un altro profilo che si segue è sempre un calciatore del Tottenham. Stiamo parlando di Pierre Emilie Hojbjerg. Il danese degli Spurs è un equilibratore, ma costa caro, sui 30/35 milioni di euro. Sarebbe però un investimento, come Marcel Sabitzer. L’austriaco del Lipsia ha però il contratto in scadenza tra un anno e per questo è più appetibile sul mercato.

Infine un giocatore che piace parecchio al tecnico portoghese è Renato Sanches, ex Bayern Monaco e ora in Francia al Lilla. Giocatore molto interessante, forte fisicamente e alquanto giovane (23 anni appena), che con la mediazione di Mendes potrebbe accettare la destinazione capitolina. Tutti nomi che possono fare al caso della Roma e del suo nuovo asse portante.