Roma-Lazio, Dzeko non parla di futuro ma di Fonseca e Mourinho

Le parole dell’attaccante bosniaco ai microfoni di Dazn dopo la vittoria nel derby contro la Lazio.

edin dzeko
©Getty Images

Uno dei migliori in campo, se non il migliore, della partita vinta questa sera dalla Roma contro la Lazio è stato Edin Dzeko. Il bosniaco non ha segnato ma si è dato tanto da fare per la squadra e ha contribuito al successo fornendo anche l’assist del vantaggio di Mkhitaryan. Ecco le sue parole ai microfoni di ‘Dazn’: “Un po’ di gioia ce la da sicuramente questa vittoria. Sapevamo che non era una delle stagioni migliori, però il derby è sempre il derby e dopo quello che avevamo perso all’andata oggi volevamo fare di tutto per finire la stagione in bellezza, ora manca un’altra partita. Rammarico negli scontri diretti? A me non mi piace guardare indietro, il rammarico c’è e ci sarà sempre. Oggi lo guardavo come un derby e non uno scontro diretto, finalmente siamo stati una squadra vera. Abbiamo sofferto ma vinto meritatamente”.

LEGGI ANCHE: Serie A, voti Roma-Lazio 2-0 | Mkhitaryan e Pedro affondano la Lazio

Dzeko sui compagni, Fonseca e Mourinho

“Il mister ha detto prima della partita che sarebbe stata l’ultima in casa e quindi ci ha chiesto se potevamo vincerla anche per lui, ma anche per noi, per i tifosi, per la società che sta guardando avanti con positivtà”, ha detto il bosniaco sul tecnico portoghese, il quale ha parlato anche del nuovo arrivo in panchina, José Mourinho: “A livello di entusiasmo ha già portato. Sicuramente Roma è una piazza difficile e per quwesto dico che non poteva non prendere il migliore”. Nei minuti finali, al minuto 88 con precisione, Dzeko ha lasciato il posto a Borja Mayoral, davanti ad una standing ovation dei suoi compagni dalla tribuna alla panchina, se fosse un saluto per lui alla Roma ha risposto così: “No, non pensavamo al futuro ma alla partita di oggi, Mancini diceva che ero come 2 o 3 anni fa contro l’Italia a Torino (ride, ndr), però oggi dovevamo vincere e l’abbiamo fatto con tanta sofferenza. Alla fine ci portiamo questi tre punti e questa gioia per una settimana tranquilla. Oggi penso solo al presente“.