Calciomercato Roma, un jolly per la difesa | Duello col Tottenham

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Calciomercato Roma, Pinto cerca un jolly per la difesa: l’obiettivo c’è. Ma piace anche al Tottenham, ex squadra di Mourinho

calciomercato roma
Mourinho( getty)

Duttilità, questa sconosciuta. Perché ormai sono poco quei calciatori che riescono ad abbinare le proprie qualità tecniche ad un altro abilità: cioè quella di riuscire ad esprimersi al meglio in più zone dello stesso reparto. Sembra utopia trovarli. Ma Tiago Pinto, nella miriade di proposte arrivatagli, ne avrebbe scovato uno. Un nome che già circola negli ambienti di Trigoria, anche se la trattativa non sembra affatto semplice.

Soprattutto perché c’è una concorrente spietata, il Tottenham, ex squadra di Mourinho, che farebbe carte false pur di portarlo a Londra e fargli vestire la maglia degli Spurs. Lui, quest’anno, ha giocato poco agli ordini di Guardiola. Anche se, quando lo ha fatto, è sempre stato protagonista in positivo. E poi ha quella caratteristica che piace. E della quale abbiamo parlato sopra.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, Mourinho ha scelto: da intoccabili a sacrificabili

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, nome nuovo a centrocampo | Pronti 15 milioni

Calciomercato Roma, Pinto punta Aké

Akè, a destra nella foto Getty Images)

Nathan Benjamin Aké, 26 anni, olandese ma di origini ivoriane, secondo il Corriere dello Sport, è quell’elemento che potrebbe fare a caso di Mourinho. Può fare tranquillamente il centrale in una difesa a tre o a quattro, e può anche agire sulla corsia. Duttilità (questa conosciuta, nel caso specifico). Un colpo che potrebbe essere d’aiuto.

Guardiola, come detto, l’ha utilizzato veramente poco. E secondo anche quanto trapela dai tabloid inglesi, il calciatore vorrebbe lasciare il Manchester City per riuscire a giocare con una certa continuità altrove. Le caratteristiche sono importanti, anche perché è molto forte fisicamente. E Tiago Pinto è pronto a valutare in maniera reale il possibile affare. Il suo contratto scade nel 2025. Servono almeno 25 milioni. Non sarà comunque facile.