Calciomercato Roma, Turchia nuova frontiera | Doppio affare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:29

Calciomercato Roma, Tiago Pinto guarda alla Turchia per chiudere due affari. Ecco le strategie del general manager giallorosso

Karsdorp
Karsdorp ©GettyImages

Dopo la colonia spagnola e quella portoghese, a Trigoria si potrebbe aprire quella turca. Sì, perché Tiago Pinto guarda con interesse a due calciatori che venerdì, contro l’Italia, erano presenti all’Olimpico: uno in campo, l’altro in panchina. E sembrerebbe ci siano delle possibilità di portarle a termine entrambi. Ne parla oggi il Corriere dello Sport.

Ma mettiamo un po’ di ordine alle idee e partiamo dal nome già note e del quale, anche ieri, ne abbiamo parlato. Tiago Pinto cerca un esterno basso, che vada ad aiutare Karsdorp. Ci sarebbero Santon e Reynolds, ma il primo dovrebbe partire (ha ancora un altro anno di contratto), il secondo, invece, potrebbe essere girato in prestito. Ecco perché Celik del Lilla, fresco campione di Francia, è un nome che attira. Servono 20 milioni di euro. Ma qualche contropartita tecnica potrebbe essere inserita per abbassare la parte cash. Si parla di Diawara e Carles Perez.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, Dzeko cambia le strategie | Doppio scenario

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, il primo acquisto è vicino | La chiave è nei bonus

Calciomercato Roma, un altro turco come obiettivo

Kokcu (getty)

Ma ci sarebbe anche un altro elemento, sempre turco, nel mirino della Roma. Il nome è quello di Orkun Kokcu, in forza al Feyenoord. Ventuno anni, nella passata stagione ha chiuso con 22 presenze. E sarebbe forte anche la pressione dell’Arsenal nei confronti del calciatore. Ma, anche in Italia, il Milan avrebbe incontrato l’agente per capire se ci sono i margini di una trattativa.

Venerdì, a Roma, ha guardato dalla panchina i compagni cadere sotto i colpo di Immobile e di Insigne. Ma non è detto che nelle prossime partite non venga mandato in campo. Tiago Pinto lo guarda con interesse. E potrebbe accelerare le cose. Anche se, adesso, il mercato, per via dell’Europeo, appare bloccato.