Roma, la scelta di Mourinho | Attesa l’ufficialità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:04

Roma, emergono importanti novità circa i prossimi movimenti della società capitolina, ponderati di comune accordo con José Mourinho.

Calciomercato Roma
José Mourinho ©Getty Images

I dubbi e le perplessità che avvolgono l’ambiente capitolino sono plurimi. Questo perché i Friedkin hanno deciso di adoperare la strada del silenzio, senza conferenze stampa magniloquenti o dichiarazioni fatte di utopistiche promesse.

La stessa scelta di ingaggiare il mister in foto è arrivata in seguito ad un periodo di grande silenzio da parte dei dirigenti, durante il quale erano però stati accostati tanti nomi alla panchina lasciata vuota da Fonseca.

Ciò è dunque lapalissiana testimonianza della volontà dei nuovi proprietari di agire con pragmatismo e intelligenza, senza sciorinare ai tifosi parole mielate ma poco fedeli alla realtà.

I nomi susseguitisi in queste settimane relativi agli eventuali acquisti di Pinto sono stati numerosi ma, al momento, da Trigoria non è arrivato mai un minimo indizio che potesse confermare o smentire le indiscrezioni.

Intanto, stanno emergendo delle importanti novità circa la scelta ponderata dall’ex Tottenham sulla data e il luogo del ritiro. Plurimi ancora, invece, i dubbi che avvolgono la data di presentazione del tecnico.

Leggi anche –> Calciomercato Roma, pressing e sorpasso | Arsenal beffato

Roma, importanti novità circa il ritiro estivo

Roma
Roma Dzeko Pellegrini (Getty Images)

A quasi un mese e mezzo dall’ufficialità dell’ ingaggio, non si sa ancora nulla circa la data e le modalità della presentazione dello Special One. Il segnale social lanciato dal diretto interessato lascia intendere che entro il 6 luglio dovrebbe sbarcare nella Capitale ma restano ancora diversi enigmi da sciogliere.

Per quanto concerne il ritiro, come riportato da “Il Tempo“, la scelta ponderata di comune accordo tra il mister e i dirigenti sembra essere ricaduta su Riscone di Brunico. La squadra dovrebbe dapprima radunarsi a Trigoria per rompere il ghiaccio e, dopo una decina di giorni, partire per l’Alto Adige.

Non è ancora giunta l’ufficialità ma, al momento, i presupposti affinché questo scenario si concretizzi sembrano esserci tutti. Scartata, infatti, l’ipotesi del ritiro in Austria, complicato soprattutto per questioni logistiche legate alla pandemia, quella di Riscone pare l’ipotesi migliore.

Ci sarebbero anche delle motivazioni romantiche e, forse, scaramantiche. Quella altoatesina è stata anche la sede dove Mourinho radunò l’Inter per l’inizio di quella stagione che l’avrebbe poi condotta sul tetto di Italia e di Europa.