Calciomercato Roma, tripla rescissione | Addio immediato

Calciomercato Roma, la società giallorossa ha necessità di abbassare il monte ingaggi e di alleggerire le spese in uscita.

Calciomercato Roma, firma vicina e cessione
José Mourinho ©Getty Images

Giorni sempre più frenetici in casa Roma. La dirigenza giallorossa è impegnata sul fronte mercato, con il direttore generale, Tiago Pinto, che vuole sbrigarsi per dare il più presto possibile dei colpi importanti a José Mourinho. Prima però toccherà pensare alle cessioni.

La Roma infatti deve alleggerire il monte stipendi, vendendo principalmente i cosiddetti esuberi, che tanto pesano sulle casse di Trigoria. I Friedkin, pur di liberarsi di ingaggi importanti, potrebbero decidere di rescindere i contratti di diversi calciatori, ormai fuori dal progetto tecnico della Roma.

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Roma, cambio della guardia | Futuro in Francia per il giallorosso

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Roma, asse caldo con la Juventus | La richiesta di Mou

Calciomercato Roma, vicina la rescissione con tre giocatori

Calciomercato Roma
Fazio e Pastore ©Getty Images

Stamani Il Romanista riporta di una Roma impegnata con le cessioni degli esuberi. In questo caso ben tre calciatori potrebbero rescindere il contratto con la società giallorossa. Stiamo parlando di Santon, Fazio e Pastore, senza dimenticare anche Nzonzi.

Sul francese infatti dovrebbe venire incontro il Benfica, con un biennale pronto, e sgravando così la Roma dal pesante ingaggio del centrocampista (4,5 milioni di euro).

Per gli altri 3 la situazione è differente. La Roma sapeva benissimo da tempo che, soprattutto in quest’anno particolare post-pandemia, sul mercato ci fosse quasi un’impossibilità di ricavare del denaro da queste possibili cessioni e dai rispettivi cartellini.

Tutti e tre dovrebbero andare incontro ad una rescissione del contratto, con tanto di buonuscita. Santon sembra quello più vicino ad un accordo con la Roma, mentre per i due argentini la situazione è più complicata.

Fazio ha per ora respinto ogni proposta arrivata, Pastore invece potrebbe tornare in Argentina, al Telleres, ma in questo caso chiede una buonuscita importante, visto e considerato che lì non andrebbe a prendere di certo un lauto stipendio.