Calciomercato Roma, si complica Xhaka | Pronta l’alternativa

Calciomercato Roma, l’affare Xhaka si complica per i giallorossi. Pinto però ha già pronta l’alternativa a centrocampo.

Calciomercato Roma, trattativa calda con il Milan
Tiago Pinto ©Asromalive.it

Ore sempre più calde in casa Roma. La società giallorossa si sta muovendo in maniera sempre più decisa sul mercato. I Friedkin e Pinto vogliono accontentare le richieste di José Mourinho che, dal canto suo, vorrebbe lavorare il prima possibile con tutta la rosa a disposizione per preparare al meglio l’inizio (ormai vicino) della prossima stagione.

Come stiamo vedendo in questi giorni, in questo calciomercato, non ci sono molti colpi da registrare. Le squadre infatti stanno aspettando il momento giusto per rafforzarsi. La Roma, dopo gli acquisti di Rui Patricio, Vina e Shomurodov (gli ultimi due da ufficializzare), vuole puntellare la rosa con altri 2/3 giocatori. Uno di questi sarà il centrocampista che tanto serve a Mourinho.

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Roma, affare Shomurodov | Secco no di Tiago Pinto

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Roma, rifiutate tutte le offerte | Decisione di Mourinho

Calciomercato Roma, Delaney l’alternativa a Xhaka

Thomas Delaney ©Getty Images

La trattativa per Xhaka alla Roma, che sembrava ai titoli di coda, si è invece bloccata improvvisamente. Un tira e molla tra offerta e richiesta che non vuole finire. Ecco che l’Arsenal, per pararsi da ogni tipo di inconveniente, ha deciso di proporre un rinnovo contrattuale al centrocampista svizzero.

La Roma, forte dell’accordo con il calciatore, non vuole andare troppo incontro alle richieste dei Gunners. Ora però c’è il forte rischio che la trattativa possa incredibilmente saltare. Pinto, dal canto suo, non vuole farsi trovare impreparato.

E’ pronto infatti un piano B. L’alternativa per i giallorossi, secondo il The Telegraph, sarebbe Thomas Delaney, centrocampista danese classe 1991 che gioca al Borussia Dortmund. Un giocatore di esperienza e di carisma come piace a Mourinho. Ora non rimane che aspettare le evoluzioni delle trattative e i possibili colpi di scena.